Carro e cavalli dell’età del ferro in un cantiere a Pocklington

I due scheletri di cavallo (Foto: DAVID WILSON HOMES)

I due scheletri di cavallo (Foto: DAVID WILSON HOMES)

Due scheletri di cavallo e i resti di un carro risalenti all’età del ferro sono stati trovati su un lotto in costruzione nell’East Yorkshire.

Gli archeologi hanno iniziato a lavorare sul sito di Pocklington nel 2014 e hanno scavato fino ad oggi più di 75 tombe di sepoltura, note come barrows (tumuli), ma l’ultimo ritrovamento è stato definito “molto insolito”.

Altri reperti sono scheletri umani, tra cui un “giovane guerriero”, assieme a spade, lance e scudi.

Coloro che lavorano presso lo scavo informano di stare indagando sul legame tra carro e cavalli e le restanti sepolture umane.

Più di 75 tombe sono state rinvenute nel sito (Foto: DAVID WILSON HOMES)

Più di 75 tombe sono state rinvenute nel sito (Foto: DAVID WILSON HOMES)

Paula Ware, del MAP Archaeological Practice, ha detto che l’ultima scoperta potrebbe aiutare a far luce sul rito della sepoltura nell’età del ferro, aggiungendo che la vicinanza degli scheletri di cavalli al carro suggerisce un ruolo cruciale degli animali nella cerimonia di sepoltura.

La sig.ra Ware ha aggiunto che la “rara scoperta” amplierebbe la comprensione della cultura Arras che visse nella regione in quel periodo.

L’età del ferro, la cultura e le sepolture Arras

L'area dello scavo (Foto: DAVID WILSON HOMES)

L’area dello scavo (Foto: DAVID WILSON HOMES)

  • Il periodo noto come l’età del ferro inizia, in Europa settentrionale, intorno tra il IX e VIII secolo a.C.
  • La popolazione del periodo era composta da agricoltori che coltivavano prevalentemente grano, orzo e legumi allevando bovini, ovini e suini
  • La cultura Arras, che è raramente è attestata al di fuori dell’East Yorkshire, è definita dalle sue pratiche di sepoltura, che comprendono tumulazioni all’interno di recinti di forma circolare o quadrata, e, nelle “tombe più ricche”, anche carri.

Articolo originale

Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento