Cosa c’entra Star Wars col Medioevo?

Leggiamo da Medievalist.net questo articolo che vogliamo tradurre per voi.

star-wars-middle-ages

Immagine da Medievalist.net

Quando George Lucas ha scritto la sceneggiatura di quello che sarebbe diventato l’Episodio IV: Una Nuova Speranza , avrebbe fatto uso della storia della Terra per contribuire a creare la sua galassia lontana, lontana. Tali influenze spaziano dalla storia antica a quella moderna americana, ma molti studiosi ritengono che il periodo medievale ha lasciato la maggior impronta sulla vicenda. Le due influenze più significative vengono rilevate soprattutto nelle molte somiglianze con le leggende arturiane e tra i Cavalieri Jedi e i guerrieri medievali.

Dopo l’uscita del primo film di Star Wars, Marilyn Sherman ha scritto:

I paralleli col ciclo arturiano sono ovvi e numerosi. Ad esempio, Luke ottiene la sua conoscenza Jedi e i loro nobili valori da un personaggio saggio, mistico, simile a Merlino, Obi-Wan Kenobi. Questi cavalieri sono custodi della pace e della giustizia in questa civiltà galattica e sono armati con armi appropriate. L’Excalibur di Luke Skywalker è una spada laser, non un rudimentale blaster da Stormtrooper (il blaster è l’arma laser usata dalle guardie imperiali, dette stormtrooper. n.d.t)  che uccide a caso, ma un raggio chiaro pulito che liquida la vittima irrevocabilmente.

Molti altri scrittori hanno fatto confronti tra i film e le storie medievali. L’esame più approfondito del tema è quello di Angela Jane Weisl nel suo libro The Persistence of Medievalism . Spiega “mentre George Lucas ama affermare che Star Wars è un mito per i tempi moderni, è sorprendente che tra le varietà di narrazioni mitiche che vengono suggerite, la sua maggiore ispirazione sia chiaramente il romanzo arturiano medievale.”

Lo splendido Merlino interpretato da Nicol Williamson in Excalibur di John Boorman

Lo splendido Merlino interpretato da Nicol Williamson in Excalibur di John Boorman

Obi wan kenobi interpretato da Alec Guinness

Obi wan kenobi interpretato da Alec Guinness

Una delle prime somiglianze si trova tra la storia di Luke Skywalker e Re Artù. Entrambi crescono senza sapere chi sono i loro veri genitori, ma presto incontreranno il loro mentore. Artù avrà come maestro Merlino, mentre Luke ne avrà due: in primo luogo Obi-Wan Kenobi e in seguito Yoda. A ciascuno di essi di spetta di rivendicare una potente spada, rispettivamente Excalibur e una spada laser, e da questo momento iniziano la loro missione contro le forze del male.
Un filone importante nella trama della trilogia originale di Star Wars è il triangolo amoroso tra Luke, Leila e Han Solo, che ricorda il matrimonio di Artù con Ginevra, che poi si innamora di Lancillotto. Tuttavia, Weisl osserva che la principale differenza tra il ciclo arturiano e Star Wars è il finale decisamente più felice di quest’ultimo. Dopo aver infatti appreso che Luke e Leyla sono fratelli, si apre la possibilità per Han e Leila di coronore il loro sogno romantico, mentre come sappiamo, la vicenda di Ginevra e Lancillotto si volge in tragedia ed è in parte la causa della caduta di Camelot.

Il triangolo amoroso Luke-Leila-Han Solo con similitudini a quello Artù-Ginevra-Lancillotto

Il triangolo amoroso Luke-Leila-Han Solo con similitudini a quello Artù-Ginevra-Lancillotto

Inoltre, Luke stesso non segue completamente le orme di Artù. Nella versione medievale, Artù diventa re, ma il suo regno finisce quando deve combattere il suo figlio illegittimo Mordred. Nella battaglia di Camlann il figlio viene ucciso e Artù ferito mortalmente – alla fine entrambi sono vinti, anche se gli scrittori medievali lasciano spazio per un ritorno di Artù tornare – forse avevano in mente un sequel  😉
Tuttavia, in Il ritorno dello Jedi , lo scontro finale tra Darth Vader e il figlio finisce in modo diverso: i due si risparmiano reciprocamente e distruggono invece il malefico Imperatore. Vader muore, ma la storia finisce con una nota positiva rispetto al classico racconto arturiano.

Un’altra parte della saga di Star Wars che ha un forte legame con il Medioevo è l’invenzione dei Cavalieri Jedi. Nel suo articolo “Elegant Weapons for Civilized Ages: The Jedi and Warrior-Monks throughout History” (Armi eleganti per Epoche Civilizzate : i Jedi e i monaci-guerrieri nel corso della storia), Terrance MacMullan constata che tre gruppi di guerrieri influenzato il modo in cui sono stati concepiti i Jedi nei film.

Monaco Shaolin  (Photo by Cancan Chu/Getty Images)

Monaco Shaolin (Photo by Cancan Chu/Getty Images)

I primi sono i monaci Shaolin, la cui scuola di combattimento fu fondata in Cina intorno al V secolo. Il concetto di forza, una sorta di energia vitale invisibile che si può trovare in tutte le cose, è molto simile al concetto Shaolin del Qi . I Maestri Shaolin credevano che attraverso lo studio e l’allenamento si potesse fare uso del Qi per migliorare le proprie percezioni sensoriali e le proprie abilità, per farne uso sia come guaritori che come combattenti. Come la Forza, che ha la sua Luce e il suo lato Oscuro, lo Yin e lo Yang del Qi sono forze opposte che possono essere utilizzate per scopi costruttivi o distruttivi.
Il secondo gruppo di guerrieri sono i Samurai giapponesi. Se le armature dei Samurai (in particolare i loro elmi) sono stati l’ispirazione per il look di Darth Vader, anche la filosofia di questi guerrieri ha molto in comune con i Jedi. Come i monaci Shaolin, i samurai erano seguaci del buddismo zen, che secondo MacMullan “insegna che per capire veramente tutte le cose, si deve lasciare andare la mente cosciente che divide il mondo secondo categorie e si deve coltivare il mushin o non mente.” In Una nuova speranza Kenobi insegna a Luke come “lasciar andare la sua auto-coscienza e agire d’istinto”, una lezione che Luke è in grado di utilizzare quando riesce ad eseguire quel “colpo-su-un-milione” che distrugge la Morte Nera.

Armatura da samurai

Armatura da samurai

Darth Vader

Darth Vader

 

 

 

 

 

 

 

 

Il terzo e forse più influente gruppo di guerrieri sono i Cavalieri Templari; nei primi script i Cavalieri Jedi erano effettivamente chiamati Jedi Templari. MacMullan scrive che i Templari “sono stati stimati più di altri cavalieri per la loro austerità, devozione e purezza morale. Come i Jedi, praticavano la povertà individuale all’interno di un ordine monastico-militare che possedeva grandi risorse materiali. Entrambi gli ordini cavallereschi richiedevano il celibato e l’obbedienza ai loro membri, che a loro volta erano riveriti come esempi di onestà, saggezza e coraggio. “

Mentre i Jedi erano guardiani della pace nella galassia, i Templari avevano un simile ma un po’ meno ambizioso obiettivo: furono fondati nei primi anni del XII secolo per proteggere la Terra Santa recentemente conquistata e i pellegrini cristiani in viaggio verso essa, da eserciti musulmani e da briganti. Nel corso dei successivi due secoli, sono diventati una parte sempre più rilevante della cristianità, non solo come militari d’elite per il Regno di Gerusalemme, ma anche per la creazione di importanti centri monastici in tutta Europa.

Il potere e la ricchezza dei Templari li avrebbe resi ingombranti e in ultima analisi li avrebbe portati alla loro caduta. Sotto accuse di pratiche eretiche, i Templari furono arrestati e messi sotto processo. Molti dei loro capi furono quindi giustiziati e l’ordine venne sciolto. Questo destino sarebbe stato riproposto nel film La vendetta dei Sith , quando l’Imperatore scatena il suo piano malvagio per distruggere i Jedi. Tuttavia mentre i Jedi della finzione cinematografica sono in grado di tornare e sconfiggere l’Imperatore, nella storia i Templari non hanno compiuto la stessa rivalsa.

~ By Peter Konieczny

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.