L’Uomo di Cheddar “non assomiglia a nessun uomo che potremmo vedere oggi”

Il genoma di Cheddar Man, che visse 10.000 anni fa, suggerisce che avesse gli occhi azzurri, la pelle scura e i capelli ricci e scuri.

Una ricostruzione forense della testa di Cheddar Man, basata sulle nuove prove del DNA e sul suo scheletro fossilizzato. (Foto: Channel 4)

Una ricostruzione forense della testa di Cheddar Man, basata sulle nuove prove del DNA e sul suo scheletro fossilizzato. (Foto: Channel 4)

I primi britannici moderni, vissuti circa 10.000 anni fa, avevano una pelle “da scura a nera”, ha rivelato un’analisi del DNA dello scheletro completo più antico della Gran Bretagna.

Il fossile, noto come Cheddar Man, è stato ritrovato un secolo fa nelle caverne di Gough nel Somerset e dista da noi quasi 300 generazioni. Intere speculazioni si sono sviluppate attorno alle origini e all’apparenza di Cheddar Man perché visse poco dopo che i primi coloni attraversarono l’Europa continentale e la Gran Bretagna alla fine dell’ultima era glaciale.
Inizialmente si pensava che Cheddar Man avesse una pelle chiara e capelli biondi, ma il suo DNA dipinge un’immagine diversa, suggerendo fortemente che aveva gli occhi blu, una carnagione da marrone scuro a nero e capelli ricci scuri.

Il professor Ian Barnes, intervistato da Channel 4 (BBC), ha affermato che non è tanto il colore della pelle a destare il suo stupore, quanto la combinazione dei tratti che lo rendono unico: “Non assomiglia a nessun uomo che potremmo vedere oggi. Non solo il contrasto fra pelle scura e occhi chiari, quanto “la forma del volto.”

La scoperta mostra che i geni per la pelle chiara si diffusero nelle popolazioni europee molto più tardi di quanto si pensasse originariamente e che il colore della pelle non era sempre un’indicazione dell’origine geografica nel modo in cui viene spesso visto oggi.

Cheddar Gorge

Cheddar Gorge

Tom Booth, un archeologo del Natural History Museum che ha lavorato al progetto, ha dichiarato: “È davvero evidente che queste categorie razziali immaginarie che abbiamo sono costruzioni molto moderne, o molto recenti, che in realtà non sono affatto applicabili al passato .”

Yoan Diekmann, un biologo computazionale all’University College di Londra e un altro membro del team del progetto, ha concordato, affermando che la connessione spesso tracciata tra inglese e bianchezza era “non una verità immutabile. È sempre cambiato e cambierà “.

I risultati sono stati rivelati prima di un documentario di Channel 4, che ha seguito l’antico progetto del DNA al Natural History Museum di Londra, oltre a creare una nuova ricostruzione forense della testa di Cheddar Man.

Per eseguire l’analisi del DNA, gli scienziati del museo hanno praticato un foro di 2 mm di diametro nel cranio antico per ottenere alcuni milligrammi di polvere d’ossa. Da questo, sono stati in grado di estrarre un genoma completo, che conteneva indizi sull’aspetto e lo stile di vita di questo parente antico.

Giugno 1935: un uomo guarda l'esposizione nel museo Cheddar Gorge. (Foto: Fox Photos / Getty Images)

Giugno 1935: un uomo guarda l’esposizione nel museo Cheddar Gorge. (Foto: Fox Photos / Getty Images)

Geneticamente il Cheddar Man appartiene ad un gruppo di “cacciatori e raccoglitori dell’Occidente” dell’era mesolitica e i suoi antenati provenivano da Spagna, Ungheria e Lussemburgo. L’analisi del DNA ha permesso dunque di ricostruire anche il suo albero genealogico, risalendo ancora più indietro, agli antenati provenienti dal Medio Oriente migrati in Europa dopo l’età glaciale, suggerendo che i suoi antenati avrebbero lasciato l’Africa, si sarebbero spostati in Medio Oriente e poi diretti verso ovest in Europa, prima di attraversare l’antico ponte di terra chiamato Doggerland che collegava la Gran Bretagna all’Europa continentale. Oggi, circa il 10% dei britannici può essere collegato a questa popolazione antica.

L’analisi ha anche escluso un legame ancestrale con gli individui che abitarono la Grotta di Gough 5.000 anni prima di lui, che sembrano aver compiuto orribili rituali cannibali , tra cui rosicchiamento di dita umane, dopo averle bollite, e l’uso di teschi levigati come tazze per bere.

La Britannia fu periodicamente popolata e poi spopolata durante le ere glaciali, fino alla fine dell’ultimo periodo glaciale circa 11.700 anni fa, da quando è stata abitata ininterrottamente.

Fino ad ora, tuttavia, non è stato chiaro se ciascuna ondata di migranti fosse costituita dalla stessa popolazione dell’Europa continentale; gli ultimi risultati suggeriscono che non fosse così.

I "paleo artisti" che si sono occupati della ricostruzione sono i gemelli Alfons e Adrie Kennis. È eccitante essere riusciti a realizzare un uomo più carino dei soliti uomini di Neanderthal con cui lavoriamo" ha detto Alfons. "Con le informazioni tratte dal DNA siamo riusciti a fare qualcosa di rivoluzionario, definendo non solo la forma, ma anche i colori della pelle. Cosa che non avevamo possibilità di conoscere prima." (Foto: JUSTIN TALLIS/AFP/Getty Images)

I “paleo artisti” che si sono occupati della ricostruzione sono i gemelli Alfons e Adrie Kennis. È eccitante essere riusciti a realizzare un uomo più carino dei soliti uomini di Neanderthal con cui lavoriamo” ha detto Alfons. “Con le informazioni tratte dal DNA siamo riusciti a fare qualcosa di rivoluzionario, definendo non solo la forma, ma anche i colori della pelle. Cosa che non avevamo possibilità di conoscere prima.” (Foto: JUSTIN TALLIS/AFP/Getty Images)

I geni che determinano il colore della pelle sono mappati su vari cromosomi, dice Miguel Vilar , il direttore scientifico del progetto del genoma di National Geographic. Vilar non è stato coinvolto nella ricostruzione, ma afferma che gli scienziati avrebbero dovuto esaminare miliardi di dati, qualcosa che in precedenza non siamo riusciti a fare con il DNA antico.

Nuove tecniche di sequenziamento del DNA rendono più facili da leggere quei cromosomi sparsi, dice.

“È come prendere un libro antico e guardare un intero capitolo, anziché guardare una sola parola, ora possiamo leggere i paragrafi completi.”

“La pigmentazione dell’occhio è determinata da un gene specifico e da una particolare variante nel gene”, afferma Thomas. “Per la pelle ci sono un certo numero di varianti.”

Come e quando i britannici abbiano sviluppato una pelle più chiara nel tempo non è chiaro.

“Pensiamo che sia perché la pelle chiara consente di assorbire più radiazioni UV, che aiutano a produrre la vitamina D”, dice Vilar. Nelle regioni più temperate, dove gli umani antichi erano meno esposti alla luce solare, avrebbero dovuto assorbire più radiazioni per ottenere la vitamina essenziale necessaria per avere ossa sane.

“Dal mio punto di vista, questa è la teoria più solida per la pigmentazione della pelle”, afferma Thomas. “Ma non spiega la pigmentazione dell’occhio, ci sono altri processi a riguardo, potrebbe essere la selezione sessuale, potrebbe anche essere qualcos’altro che non abbiamo ancora capito”.

Un’altra teoria avanzata in uno studio del 2014 suggeriva che, man mano che gli umani cominciavano a coltivare le fattorie, la loro dieta diventava meno diversificata e quindi avrebbero dovuto assorbire più vitamina D grazie al sole.

Oggi, aggiunge, le diete moderne aiutano le persone a consumare vitamina D senza esposizione alla luce solare.

La determinazione del colore della pelle è solo una piccola parte del progetto, afferma Thomas. I ricercatori stanno esaminando in modo più ampio il modo in cui i cambiamenti nella dieta e l’esposizione ai patogeni hanno influenzato la popolazione negli ultimi diecimila anni.

La loro ricerca sarà oggetto di un documentario sulla rete britannica Channel4 in onda a fine mese .

“Se puoi misurare i cambiamenti delle variazioni genetiche nel tempo”, aggiunge, “puoi cogliere l’evoluzione mentre accade”.

 

Il Cheddar Man è lo scheletro completo più antico della Gran Bretagna (Foto: PA)

Il Cheddar Man è lo scheletro completo più antico della Gran Bretagna (Foto: PA)

 

 

Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.