Dalla Toscana reperti che testimoniano l’abilità dei Neanderthal

Qualcuno utilizzava il fuoco nella fabbricazione di strumenti da scavo in legno, 170.000 anni fa, in Toscana.

Nel sito non sono state rinvenute ossa di ominide, ma gli archeologi che hanno indagato sugli straordinari resti organici, scoperti a Poggetti Vecchi, presso Grosseto, durante i lavori di costruzione e riportati in PNAS, ritengono che il misterioso produttore degli strumenti in legno indurito appartenesse al tipo Neanderthal.

Non ci sono prove dirette di chi fossero i produttori di Poggetti Vecchi. Ma gli unici ominidi conosciuti in Europa all’epoca erano i Neanderthal, spiega Biancamaria Aranguren, della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Siena, Grosseto e Arezzo.

Impugnatura di uno dei bastoni da scavo dal sito (Foto: PNAS)

Impugnatura di uno dei bastoni da scavo dal sito (Foto: PNAS)

Ciò non esclude altre teorie, specialmente in base alle recenti prove che l’Homo sapiens ha iniziato ad evolversi prima di quanto pensassimo, almeno 300.000 anni fa, e potrebbe aver iniziato a diffondersi dall’Africa circa 200.000 anni fa.

Quindi, teoricamente, il costruttore di utensili della Toscana avrebbe potuto essere sapiens, o anche un altro ominide. Ma date altre prove del dominio dei Neanderthal in Europa in quel momento, è ragionevole considerare l’ipotesi che si trattasse di loro.

La prof.ssa Erella Hovers dell’Università Ebraica di Gerusalemme, esperta di Neanderthal, sottolinea che i Neanderthal sono effettivamente gli unici umani conosciuti in Europa 170.000 anni fa, sulla base delle prove dei resti scheletrici trovati finora. “I genetisti ci dicono che potrebbero esserci dei Denisovani in alcune parti d’Europa, anche se non è stata fatta alcuna dichiarazione in merito per l’Italia, per quanto ne so”, aggiunge Hovers.

Per quanto riguarda l’Italia, non ci sono molti resti antropologici del Pleistocene medio, riconosce la Aranguren. Due teschi risalenti a 250.000 anni fa trovati a Saccopastore, presso il fiume Aniene nel Lazio, sono stati identificati come Neanderthal, il più antico conosciuto in Italia secondo alcuni, mentre altri studiosi non concordano dal momento che i teschi di Saccopastore divergono dal “classico Neanderthal”.

I tre crani rinvenuti a Saccopastore

I tre crani rinvenuti a Saccopastore

Poggetti Vecchi si colloca cronologicamente tra la scoperta di Saccopastore risalente un quarto di milione di anni fa  e gli scheletri neandertaliani un po ‘”particolari” di Altamura, che risalgono a circa 150.000 anni fa.

Cranio del famoso uomo di Altamura in situ

Cranio del famoso uomo di Altamura in situ

Ordinariamente il legno non sopravvive ai millenni. Normalmente marcisce, degradato da batteri e funghi. In questo caso, i resti frammentati ma ancora identificabili degli strumenti di legno preistorici sono stati preservati dalle condizioni umide paleoambientali, spiega Aranguren.

Il legno è stato trovato concentrato in una piccola area, insieme, e a volte sotto, ossa animali, principalmente degli estinti elefanti Palaeoloxodon antiquus, elefanti dalle zanne diritte, che apparentemente non sono stati macellati usando questi attrezzi.

Zanna di Elefante dalle zanne diritte trovato a Poggetti Vecchi, ca 170.000 anni (Foto: PNAS)

Zanna di Elefante dalle zanne diritte trovato a Poggetti Vecchi, ca 170.000 anni (Foto: PNAS)

Chiunque sia l’artefice, gli archeologi si sentono abbastanza confidenti che si tratti di attrezzi da scavo e non di armi, anche se potrebbero essere stati usati per randellare piccoli animali.

Tutti i bastoncini trovati erano fatti di bosso indurito al fuoco e si erano spezzati nel corso degli anni. Tuttavia, gli archeologi possono affermare che raggiungessero oltre un metro di lunghezza. I bastoncini di Poggetti Vecchi erano arrotondati all’estremità del manico e appuntiti verso l’altra, ma non affilati. Ognuno di loro era stato sbucciato della corteccia e spogliato di rami, e circa un quinto di essi era stato accuratamente bruciato nel fuoco lungo tutta la lunghezza tranne la punta. Il team di archeologi che li ha trovati ritiene che questi siano stati usati dagli uomini di Neanderthal allo stesso modo in cui gli esseri umani moderni in alcuni gruppi indigeni usano uno strumento chiamato “bastone da scavo” per raccogliere piante commestibili.

Sebbene estremamente rari, sono stati trovati altri manufatti in legno del Pleistocene medio, ad esempio a Clacton-on-Sea, Schöningen e Lehringen, ma erano diversi. Erano più lunghi ed erano stati affilati in punta, inducendo all’ipotesi che fossero vere e proprie lance. Le lance di Lehringen, per esempio, furono trovate vicino a ossa di elefanti.

Una delle otto lance preistoriche in legno trovate in Germania, a Schöningen. Si ritiene che le lance abbiano tra i 380.000 e i 400.000 anni. (Foto: www.denkmalpflege.niedersachsen.de)

Una delle otto lance preistoriche in legno trovate in Germania, a Schöningen. Si ritiene che le lance abbiano tra i 380.000 e i 400.000 anni. (Foto: www.denkmalpflege.niedersachsen.de)

“Le lance di Schöningen sono lunghe da 1,82 a 2,25 metri, con un diametro di circa 3 o 5 centimetri”, riferisce  Aranguren ad Haaretz. “Sono realizzati in legno di pino o abete rosso, dotate di una o anche due punte affilate, gli utensili in legno di Poggetti Vecchi hanno una lunghezza di circa 100-120 cm con un diametro medio di 3 cm, sono realizzati in legno di bosso e hanno una punta smussata e una impugnatura arrotondata. Le caratteristiche morfometriche degli utensili in legno di Poggetti Vecchi (manici arrotondati, punte smussate e dimensioni) richiamano quelle dei cosiddetti” bastoni da scavo “, strumenti multiuso che vengono utilizzati non solo per la raccolta di piante (radici e tuberi) e come pestello, ma anche per la caccia alla piccola selvaggina, in particolare agli animali scavatori, e come bastone: non sono lance perché non hanno punti affilati, sono troppo corti e non sono bilanciati per il lancio “.

Tracce di carbonizzazione sono state scoperte su bastoni da scavo Neanderthal di 170.000 anni, trovati tra le ossa di elefanti dalle zanne diritte a Poggetti Vecchi, in Toscana. (Foto: PNAS)

Tracce di carbonizzazione sono state scoperte su bastoni da scavo Neanderthal di 170.000 anni, trovati tra le ossa di elefanti dalle zanne diritte a Poggetti Vecchi, in Toscana. (Foto: PNAS)

Quindi si potrebbe lanciare uno di questi bastoncini di Neanderthal, ma probabilmente non colpirà l’obiettivo. Questo è segno che sono stati usati per altri scopi.

Le tracce di carbonizzazione sui bastoni ha portato a postulare che i Neanderthal abbiano sfruttato il fuoco per rendere più facile lavorare il legno di bosso, il più duro d’Europa, nella forma che volevano.

Ottenere gli strumenti di scavo significava più che rimuovere corteccia e  rami (che lasciavano segni di taglio e graffi sul legno) e dare forma alle punte: i ricercatori hanno trovato un rivestimento carbonizzato su alcuni dei manufatti e hanno supposto che gli uomini primitivi usassero il fuoco per lavorare il legno più facilmente con i loro strumenti di pietra.

“L’uso del fuoco facilita la rimozione della corteccia esterna bruciata usando ad esempio pietre abrasive”, spiegano gli autori della ricerca. Il che prova che i Neanderthal avrebbero saputo sfruttare il fuoco per perfezionare i loro strumenti. Non significa necessariamente che potessero controllare il fuoco fino al punto di poterlo accendere a volontà. I ​​ricercatori sostengono generalmente che durante il Pleistocene medio, quando viveva l’uomo di Poggetti Vecchi, vi era un uso regolare del fuoco “naturale”, per esempio il fuoco di boscaglia acceso da fulmine” spiega Aranguren. “Poggetti Vecchi, che risale al Pleistocene medio superiore, offre le prime prove dell’uso del fuoco per la lavorazione degli attrezzi in legno. Sappiamo che per fabbricare bastoni da scavo, i Neandertaliani avevano bisogno di avere la conoscenza e la capacità di contenere, nutrire e spegnere il fuoco, non possiamo dire con certezza che avessero anche le conoscenze e la tecnologia necessarie per creare il fuoco a volontà”.

La fabbricazione intenzionale è dimostrata da segni di taglio e striature realizzati con strumenti di pietra sui bastoni. Gli archeologi hanno anche trovato alcuni strumenti di pietra in prossimità degli strumenti di legno. Se gli strumenti fossero o meno “tipici” di Neanderthal in opposizione a diverse specie di uomini è di nuovo una questione aperta: si  dibatte su chi abbia inventato quale tipo di tecnologia per la lavorazione della pietra.

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.