Dopo più di 126.000 anni riemerge il mammut delle steppe

Foto: Accademia delle Scienze Repubblica di Sakha

Foto: Accademia delle Scienze Repubblica di Sakha

E’ la seconda grande scoperta di un mammut della steppa  in Russia questa estate, le sue zanne sono lunghe ciascuna 2,5 metri di lunghezza, per un peso di 150 chilogrammi.

Gli scienziati sono deliziati alla scoperta di uno scheletro quasi completo conservato nel permafrost; tuttavia, gli antichi resti, che si ritiene risalgano al Pleistocene medio, non includono tessuti molli.

Yevgeny Maschenko, ricercatore senior del Laboratorio Mammiferi, Istituto di Paleontologia, Accademia Russa delle Scienze, Mosca, ha detto: ‘Lo scheletro è stato sepolto in una posizione anatomica. Quasi tutte le ossa sono state ritrovate – anche le piccole ossa delle parti inferiori delle gambe erano presenti. L’unica parte mancante era lazampa posteriore destra, che riteniamo avrebbe potuto essere strappato finché il mammut era in vita.

‘Alcune ossa del bacino sono state rosicchiate dai predatori. Supponiamo che questo fosse un animale vissuto e morto più di 100.000 anni fa, e dal momento della morte subì un parziale congelamento’.

Posizione del ritrovamento (Foto: Siberian Times)

Posizione del ritrovamento (Foto: Siberian Times)

Il terreno e la sabbia circostanti si sono scongelati e congelati di nuovo, seppellendo ancora una volta il coropo, e avviluppando lo scheletro per molti millenni. ‘E’  un mammut della steppa di sesso maschile, di circa 45 anni, non troppo vecchio. Il suo scheletro è poco più di tre metri. Il mammut ha enormi zanne, ognuna dei quali di circa 18 cm di diametro, e ciascuna del peso di 75 kg ‘. In lunghezza sono stati originariamente circa 2,5 metri.

Gli animali di questa specie erano più corti ma più alti rispetto al mammut lanoso, i cui resti sono comuni in questa parte della Siberia, conosciuta come la Repubblica di Sakha, o Yakutia, la regione più fredda nella Federazione russa.

‘Gli scienziati ritengono che fossero alti oltre quattro metri, e potessero pesare quasi dieci tonnellate,’ ha detto.’Erano solo parzialmente coperti di peli, dal momento che il clima allora era caldo e secco, quindi non c’era bisogno di adeguarsi a temperature più basse. Dobbiamo studiare il sito assieme ai geologi. Abbiamo preso campioni di suolo e rocce.

Le ossa recuperate del mammut elle steppe (Foto: Accademia delle Scienze Repubblica di Sakha)

Le ossa recuperate del mammut delle steppe (Foto: Accademia delle Scienze Repubblica di Sakha)

‘Abbiamo anche rovistato il terreno e trovato una quantità di semi congelati, piante, frutta e insetti. Questo ci permette di costruire un quadro delle condizioni della steppa all’epoca dei mammut. E ‘stato anche interessante scoprire escrementi di scoiattolo, cervi, cavalli, rinoceronti e mammut peloso intorno al punto in cui è stato trovato il mammut’.

Gli scienziati ora cercano di precisare la data per verificare la corrispondenza con la teoria che attribuisce il ritrovamento alla fase del Pleistocene medio, che durò da 781 mila a 126 mila anni fa.

Il dottor Albert Protopopov, capo del Dipartimento di Studi della Mammut Fauna, a Yakutsk, ha detto: ‘A differenza del tardo Pleistocene, il medio Pleistocene non è stato studiato in profondità. Si presuppone che il clima fosse caldo in Yakutia in quel periodo. Eppure, lo scheletro del mammut della steppa rimase sepolto nel permafrost accanto a ossa di animali come il capriolo, che si credeva abitasse questa zona successivamente. Come si concilia questo con l’ipotesi di un clima caldo? Speriamo di approfondire la ricerca il prossimo anno’.

Il Mammut della steppa è una specie estinta che abitava gran parte dell'Eurasia. (Immagine: Eldar Zakirov)

Il Mammut della steppa è una specie estinta che abitava gran parte dell’Eurasia. (Immagine: Eldar Zakirov)

Il Mammut della steppa è una specie estinta che abitava gran parte dell’Eurasia. La bestia probabilmente si è evoluta in Siberia durante il Pleistocene inferiore dal Mammuthus meridionalis. E ‘stata la prima tappa nell’evoluzione degli elefanti della steppa e della tundra e un antenato del più famoso “mammut lanoso” dei periodi glaciali successivi. Reperti di scheletri interi sono rari; più comunemente, gli scienziati hanno trovato singole mandibole.

Uno scheletro quasi completo di mammut della steppa è stato scoperto nel 1996 a Kikinda, Serbia. Circa il 90% della sua massa ossea era conservata, mancavano i piedi e le scapole di questo esemplare femminile. Un maschio è stato trovato nel 1990 in West Runton, Inghilterra orientale, di cui mancava la parte superiore del cranio.

Articolo originale

Taggato , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.