Eventi – Inaugurazione “Segni sulle terre” I confini tra Longobardi e Bizantini

Nell’ambito del ciclo culturale  Bizantini e Longobardi, culture e territori in una secolare tradizione. 

Inaugurazione a Modena il 30 aprile presso L’archivio di Stato della mostra “Segni sulle terre. Confini di pianura tra Modena e Bologna”

Sec. XVII. Schizzo delle montagne tra Montetortore, Fanano, Roffeno, Guiglia, lungo l'antica via Cassola. (Penna e acquarello su carta, cm 60x33. ASMo, Mappario estense, Serie generale, 350)

Sec. XVII. Schizzo delle montagne tra Montetortore, Fanano, Roffeno, Guiglia, lungo l’antica via Cassola. (Penna e acquarello su carta, cm 60×33. ASMo, Mappario estense, Serie generale, 350)

Questa interessantissima esposizione è tesa ad illustrare i confini dei nostri territori di pianura, fra bolognese e modenese, attraverso pannelli storici esplicativi, materiale cartografico (XV-XIX), ma anche documenti rari e preziosi come il “Liber Pontificalis Ecclesiae Ravennatis” (830 o 846) di Andrea Agnello, sacerdote di Ravenna della metà del secolo IX, pervenuto in copia del XV secolo (e giunto a noi in due sole copie manoscritte).  Collegata a questa mostra un ciclo di conferenze.

Palazzo dell’Arcivescovado, Salone d’Onore

29 aprile – Claudio Azzara (UNISA), L’onore dei Longobardi. Ingiurie infamanti e pene d’infamia nell’etica di una società militare.

Istituto Superiore di Scienze Religiose B. C. Ferrini, Aula Magna

6 maggio – Giorgio Gruppioni e Elisabetta Cilli (UNIBO), Il DNA antico e le indagini biologiche a supporto della ricerca storico-archeologica.

Palazzo dell’Arcivescovado, Salone d’Onore

11 novembre Massimo Montanari (UNIBO), Tra pecora e maiale.

Differenze gastronomiche tra aree di tradizione longobarda e aree di tradizione bizantina.

Istituto Superiore di Scienze Religiose B. C. Ferrini, Aula Magna

18 novembre – Giovanna Caselgrandi (IFST), Motivi iconografici e variazioni stilistiche nell’arte bizantina e longobarda. Analogie e differenze

25 novembre – Bruno Andreolli (UNIBO), Morfologie contrattuali e rapporti di produzione tra Langobardia e Romania.

Istituto Superiore di Scienze Religiose B. C. Ferrini, Aula Magna

2 dicembre – Tiziana Lazzari (UNIBO), La vasta giudicaria Motinense dilagante nel Bolognese, secoli IX-X.

9 dicembre – Enrico Angiolini, L’origine dell’odierno confine, la Muzza Abbandonata. Dal falso placito di re Rachis del 746 fino alla fissazione di confine politico dello Stato della Chiesa, 1278.

Tutte le iniziative sono ad ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti

Per informazioni e prenotazioni: Archivio di Stato di Modena, 059- 230549; as-mo@beniculturali.it. Si rimanda al sito dell’Archivio per il programma dettagliato delle conferenze e delle altre iniziative.  http://www.asmo.beniculturali.it/

Taggato , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.