Festa di San Marco e del Bocolo

Leone di San Marco, dipinto di Carpaccio

Leone di San Marco, dipinto di Carpaccio

Il 25 aprile l’Italia festeggia la liberazione dal nazifascismo, ma per Venezia e per i veneziani il 25 aprile è una tradizione ben più antica dell’attuale festa nazionale: è la festa di San Marco, santo patrono della città. 

Le reliquie di San Marco furono trafugate da Alessandria d’Egitto e trasportate aVenezia nel 828 da due leggendari mercanti veneziani: Rustico da Torcello e Buono da Malamocco.
Si racconta che per trafugare il corpo di San Marco i due mercanti lo abbiano nascosto sotto un carico di carne di maiale, che riuscì a passare senza ispezione la dogana a causa del ben noto disprezzo dei Musulmani per questo alimento.
La reliquia di San Marco fu accolta con grande gioia a Venezia, non solo per la sua funzione di attrarre pellegrini da tutta Europa a Venezia, ma anche perché la storia veneta racconta che proprio l’evangelista Marco, mentre era in vita, avrebbe evangelizzato le genti venete divenendone patrono.

San Marco divenne così il patrono e l’emblema della città assumendo le sembianze di un leone alato che brandisce una spada e stringe tra le zampe un libro sulle cui pagine aperte si legge: Pax Tibi Marce Evangelista Meus,  Pace a Te o Marco Mio Evangelista.

Ai tempi della Repubblica Serenissima, il 25 aprile si svolgeva una processione in Piazza San Marco cui partecipavano autorità religiose, civili e rappresentanti delle arti, ma i festeggiamenti si svolgevano anche il 31 gennaio, giorno in cui venne trasportato a Venezia il corpo del santo e il 25 giugno, giorno in cui avvenne il ritrovamento delle sue reliquie nella Basilica di S.Marco.

Ormai la commemorazione religiosa si svolge solo il 25 aprile, data della morte di San Marco, ma ancora oggi si festeggia con una processione nella Basilica di San Marco, alla quale partecipano le autorità religiose e civili della città.
Il 25 aprile a Venezia è anche la Festa del Bocolo ed è tradizione regalare un ‘bocolo’, cioè un bocciolo di rosa, alla donna amata, alla moglie, alle figlie, alla mamma.
Le sue radici affondano in due leggende.
"bocoli2 in Piazza San Marco (Venezia)

“bocoli” in Piazza San Marco (Venezia)

Nella seconda metà dell’Ottocento la figlia del Doge Orso I Partecipazio, Maria, amava, ricambiata, un giovane di umili origini, un certo Tancredi. Il Doge ovviamente non approvava la relazione, così la fanciulla consigliò all’amato di andare a combattere nella guerra contro i Mori di Spagna agli ordini di Carlo Magno per dar prova del suo valore, ma egli venne ferito. Poco prima di esalare l’ultimo respiro, Tancredi affidò a Orlando un boccolo colto dal roseto su cui giaceva riverso affinché il paladino lo consegnasse a Maria. Fedele alla promessa, Orlando giunse a Venezia alla vigilia del giorno di San Marco e consegnò il boccolo alla giovane, la quale il mattino seguente venne ritrovata morta con il dono dell’amato posato sul cuore. La fama di Tancredi fece il giro del mondo, il giovane si distinse valorosamente in guerra, ma fu ferito mortalmente e cadde su un roseto. Prima di morire però affidò all’amico Orlando un bocciolo tinto del rosso del suo sangue perché lo consegnasse alla sua amata come estremo pegno d’amore. Il 25 aprile, il giorno dopo aver ricevuto da Orlando il messaggio d’amore dell’innamorato, Maria fu trovata morta nel suo letto con il bocciolo sul petto. Da allora, il 25 aprile la tradizione vuole che lo stesso omaggio sia ripetuto dai veneziani perché ognuno di essi possa esprimere i propri sentimenti alla persona amata.

"bocolo" e bandiere di San Marco

“bocolo” e bandiere di San Marco

La seconda leggenda sostiene che la tradizione del bocolo discenda invece dal roseto che nasceva accanto la tomba dell’Evangelista. Il roseto sarebbe stato donato a un marinaio della Giudecca di nome Basilio quale premio per la sua grande collaborazione nella trafugazione delle spoglie del Santo. Piantato nel giardino della sua casa il roseto alla morte di Basilio divenne il confine della proprietà suddivisa tra i due figli. Avvenne in seguito una rottura dell’armonia tra i due rami della famiglia (fatto che sempre secondo le narrazioni fu causa anche di un omicidio), e la pianta smise di fiorire. Un 25 aprile di molti anni dopo nacque amore a prima vista tra una fanciulla discendente da uno dei due rami e un giovane dell’altro ramo familiare. I due giovani si innamorarono guardandosi attraverso il roseto che separava i due orti. Il roseto accompagnò lo sbocciare dell’amore tra parti nemiche coprendosi di boccoli rossi, e il giovane cogliendone uno lo donò alla fanciulla. In ricordo di questo amore a lieto fine, che avrebbe restituito la pace tra le due famiglie, i veneziani offrono ancor oggi il boccolo rosso alle donne importanti della propria vita.

 

 

Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.