Guerrieri vichinghi e tesori sotto Dublino

MI-Viking-Skeleton-dig-archaelogy-gettyUn progetto di ricerca massiva, in 15 anni di lavoro, ha rivelato che sotto le strade moderne di Dublino si trova un tesoro di guerrieri vichinghi e manufatti sepolti.

Gli archeologi dicono che il numero delle sepolture vichinghe di guerrieri a Dublino è stupefacente. Un progetto di catalogazione di queste sepolture è stata iniziata nel 1999. Ora si avvicina alla sua conclusione, il progetto porterà alla pubblicazione di un tomo di 800 pagine intitolato ‘Tombe vichinghe e corredi funerari in Irlanda.’

“Come risultato della nostra nuova ricerca, Kilmainham-Islandbridge è ora palesemente il più grande complesso di sepoltura del suo genere in Europa occidentale, Scandinavia esclusa”, dice Stephen Harrison, che ha redatto il catalogo con Raghnall Ó Floinn, il direttore del National Museum of Ireland. Il museo ospita una mostra, che comprende uno scheletro vichingo del IX secolo con spada e punta di lancia, rinvenuto nel War Memorial Park, Islandbridge nel 1934.

Tra la fine del XVIII secolo e il 1934, almeno 59 tombe sono state scoperte nella zona Kilmainham-Islandbridge.  Le grandi quantità di reperti trovati,  databili tra l’ 841 e il 902, indicano l’importanza e la ricchezza di Dublino in quel momento storico.

Spada dal cimitero vichingo di Kilmainham

Spada dal cimitero vichingo di Kilmainham

Dice Harrison: “Non tutti i vichinghi sono stato sepolti con manufatti. Si tratta di sepolture nobiliari. ”

“Sta accadendo qualcosa di fenomenale a Dublino”, ha detto l’archeologo Linzi Simpson all’ Irish Times. “Gli annali registrano queste grandi quantità di guerrieri che arrivavano a Dublino e il nostro recente lavoro lo dimostra con l’archeologia. Siamo abituati a pensare che gli annali fossero inclini a esagerare, e che forse i Vichinghi non erano così male. Ma ora c’è una svolta verso, ‘ erano piuttosto catastrofici’ “.

I corpi sono stati sepolti su entrambi i lati del Liffey e lungo il Poddle. Nel 2003, Simpson scavò quattro guerrieri vichinghi in Street South Great George, tre dei quali si ritiene siano stati sepolti tra circa il 670 e l’882 e l’altro qualche tempo dopo. Il primo avvistamento vichingo al largo delle coste d’Irlanda è avvenuto nel 792.

“Hanno sentito parlare di questa piccola isola piena di oro e di gente, e gli incursori si sono riversati qui”, ha detto Simpson. “Dublino diventa la capitale commerciale del IX secolo.”

“L’Irlanda non è alla periferia dell’Europa come Bruxelles potrebbe vedere oggi. Da un punto di vista scandinavo, è centrale per l’approccio verso l’Europa “, ha dichiarato John Sheehan, archeologo presso lo University College di Cork .

Nonostante la forte presenza vichinga, non molto DNA vichingo è stato trovato dai genetisti in Irlanda.

Sepoltura vichinga a Islandbridge

Sepoltura vichinga a Islandbridge

Cathy Swift, dell’Università di Limerick, è coinvolta in un progetto britannico-irlandese chiamato Geni di Celti, Vichinghi e dei Normanni (Genes of Celts, Vikings and Normans).

Lei è alla ricerca dei cognomi vichinghi che sono stati inclusi nei toponimi irlandesi, poichè crede che queste famiglie possano avere forti tracce di ascendenza vichinga nel loro DNA, riporta l’ Irish Times .

“Quello che stiamo facendo è testare il DNA di persone con quei cognomi,” ha detto. “Come archeologo, è difficile credere che i Vichinghi non siano arrivati in gran numero. Una vasta gamma di cose che non sono irlandesi appaiono all’improvviso. ”

“Tutto quello che pensavamo di sapere circa i Vichinghi era sbagliato”, ha dichiarato Eamonn Kelly, custode delle antichità irlandesi presso il Museo Nazionale. “La convinzione che le attività vichinghe fossero concentrate sulla zona del Mar d’Irlanda, ma in gran parte assenti dall’ ovest dell’Irlanda è sbagliato, e non è semplicemente un caso che non vi fosse una presenza vichinga in Irlanda fuori Dublino, Waterford, Wexford e Limerick. Vichinghi si stabilirono sulla costa occidentale e si integrarono con i nativi irlandesi”.

 

La Dublino vichinga e come appare oggi

La Dublino vichinga e come appare oggi

Mappa schematica della Dublino vichinga e luoghi dei ritrovamenti

Mappa schematica della Dublino vichinga e luoghi dei ritrovamenti

Una delle prime incursioni vichinghe si è verificata a Inishbofin nel 795, e ha seguito le incursioni su Rathlin e Inishmurray.

Oggetti da sepolture vichinghe da Kilmainham (acquerello James Plunkett, 1847)

Oggetti da sepolture vichinghe da Kilmainham (acquerello James Plunkett, 1847)

“Credo che queste fossero le incursioni esplorative lungo la costa nord e la costa ovest , al fine di valutare la prospettiva di stabilire insediamenti “, ha detto Kelly.

“E ‘stato un doppio successo: i vichinghi sono arrivati con nuove tecnologie e hanno introdotto commerci a lunga distanza. E si sono integrati nell’assetto locale “.

 

Articolo originale

Approfondimenti

  • Harrison, S.H. 2010 Bride Street revisited-Viking burial in Dublin and beyond. In S. Duffy (ed.)Medieval Dublin X. Dublin, 126-152 Simpson, L. 2010 Pre-Viking and early Viking Age Dublin: some research questions. In S. Duffy (ed.) Medieval Dublin X. Dublin, 49-92.
  • Simpson, L. 2005 Viking warrior burials in Dublin: Is this the Longphort? In S. Duffy (ed.) Medieval Dublin VI. Dublin, 11-62.
  • Simpson, L. 2010 Pre-Viking and early Viking Age Dublin: some research questions. In S. Duffy (ed.)Medieval Dublin X. Dublin, 49-92.
  • O’Donovan, E. 2008 The Irish, the Vikings, and the English: new archaeological evidence from Excavations at golden Lane, Dublin. In S. Duffy (ed.) Medieval Dublin VIII. Dublin, 36-130.
  • O’Brien, E. 1998 A reconsideration of the location and context of Viking burials at Kilmainham/Islandbridge, Dublin. In Manning (ed.), Dublin beyond the Pale: Studies in honour of Paddy Healy. Wicklow, 35-44.
  • O’Floinn, R. 1998, The archaeology of Early Viking age in Ireland. In H. Clarke, M. Ni Mhaonaigh and R. O’Floinn (eds), Ireland and Scandinavia in the Early Viking Age, Dublin 132-165.
Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Una risposta a Guerrieri vichinghi e tesori sotto Dublino

  1. Pingback:Sigrún (1) | Alchimie