I primi esseri umani entrarono in Nord America 10.000 anni prima di quanto si pensasse

Tracce di attività umane su ossa animali rinvenute nelle grotte di Bluefish, in Yukon (foto: http://www.heritagedaily.com/)

Tracce di attività umane su ossa animali rinvenute nelle grotte di Bluefish, in Yukon (foto: http://www.heritagedaily.com/)

Questo è stato dimostrato senza ombra di dubbio da Ariane Burke, docente al Dipartimento di Antropologia della Université de Montréal, e dalla dottoranda Lauriane Bourgeon, con il contributo del Dr. Thomas Higham, vice direttore dell’Oxford University’s Radiocarbon Accelerator Unit.

I loro risultati sono stati pubblicati all’inizio di gennaio sulla rivista open-access PLoS One .

La data del primo insediamento del Nord America, fino ad oggi stimato in 14.000 anni prima del presente (BP) in base ai primi siti archeologici datati, è ora stimato a 24.000 BP, al culmine dell’ultima era glaciale o Ultimo Massimo Glaciale.

I ricercatori hanno fatto la loro scoperta tramite alcuni manufatti rinvenuti nelle grotte di Bluefish, che si trova sulle rive del fiume Bluefish nel nord Yukon vicino al confine con l’Alaska. Il sito è stato scavato dall’archeologo Jacques Cinq-Mars tra il 1977 e il 1987. Sulla base della datazione al radiocarbonio di ossa di animali, il ricercatore ha espresso l’ipotesi audace che l’insediamento umano nella regione fosse datato al lontano 30.000 BP.

In assenza di altri siti della stessa età, l’ipotesi di Cinq-Mars rimase molto controversa all’interno della comunità scientifica. Inoltre, non vi era alcuna prova che la presenza di ossa di cavalli, mammut, bisonti e caribù nella Grotte Bluefish fosse dovuta alle attività umane.

Per chiarire la cosa, Bourgeon ha esaminato i circa 36.000 frammenti ossei estratti dal sito e conservati presso il Canadian Museum of Civilization a Gatineau, un’impresa enorme completata in due anni. L’analisi completa di alcuni pezzi presso la struttura UdeM’s Ecomorphology and Paleoanthropology Laboratory ha rivelato tracce innegabili di attività umana in 15 ossa. Altri 20 frammenti mostrano probabili tracce dello stesso tipo di attività.

“Delle serie di linee rette disposte a V sulla superficie delle ossa sono state fatte da strumenti di pietra utilizzati per scuoiare gli animali”, ha detto Burke. “Questi sono indiscutibili tracce di taglio create dagli esseri umani.”

Immagine da PLos One

Immagine da PLos One

Bourgeon presentato le ossa ad un ulteriore datazione al radiocarbonio. Il frammento più antico, una mandibola di cavallo che mostra i segni di uno strumento di pietra apparentemente utilizzati per rimuovere la lingua, era aggiornata al radiocarbonio al 19.650, equivalente a una data all’incirca tra i 23.000 e 24.000 cal BP (anni prima di oggi calibrati).

“La nostra scoperta conferma le analisi precedenti e dimostra che questo è il primo sito conosciuto di insediamenti umani in Canada”, ha detto Burke. Esso dimostra che la Beringia Orientale fu abitata durante l’ultima era glaciale. ”

La Beringia è una vasta regione che si estende dal fiume Mackenzie nei Territori del Nordovest al fiume Lena in Russia. Secondo Burke, studi di genetica di popolazione hanno dimostrato che un gruppo di poche migliaia di individui visse in isolamento dal resto del mondo in Beringia tra i 15.000 e i 24.000 anni fa.

“La nostra scoperta conferma l’ ‘ipotesi di arresto in Beringia [o isolamento genetico]’, ha detto, “l’isolamento genetico sarebbe corrisposto a un isolamento geografico. Durante l’ultimo massimo glaciale, la Beringia è stata isolata dal resto del Nord America da ghiacciai e steppe troppo inospitali per l’occupazione umana in Occidente. Era potenzialmente un luogo di rifugio “.

I Beringiani delle grotte di Bluefish grotte quindi tra gli antenati di persone che, alla fine dell’ultima era glaciale, colonizzarono l’intero continente lungo la costa fino al Sud America.

I risultati della ricerca di dottorato di Lauriane Bourgeon sono stati pubblicati nel numero del 6 gennaio di PLoS One con il titolo “La prima presenza umana nel Nord America Datata al Ultimo massimo glaciale: Nuove date al radiocarbonio da Bluefish Caves, Canada”. Co-autori dell’articolo sono la professoressa Ariane Burke e il dottor Thomas Higham dell’Oxford University’s Radiocarbon Accelerator Unit, del Regno Unito

PLoS One

Università di Montreal

Taggato , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.