Il diario di un geografo del XIX secolo per riscoprire una meraviglia naturale

La posizione di una meraviglia naturale, considerata perduta, in Nuova Zelanda, è stata identificata, grazie alla casuale scoperta del diario di un geografo del XIX secolo.

Le terrazze rosa e bianche sul Lago Rotomahana vicino a Rotorua, Nuova Zelanda, circa 1880. (Foto: General Photographic Agency / Hulton Archive / Getty Images)

Le terrazze rosa e bianche sul Lago Rotomahana vicino a Rotorua, Nuova Zelanda, circa 1880.
(Foto: General Photographic Agency / Hulton Archive / Getty Images)

La cosiddetta Terrazza Bianca e Rosa sulle rive del lago di Rotomahana in Nuova Zelanda attirò decine di turisti avventurosi nel tardo XIX secolo. I depositi massicci di sedimento di silicio creati dalle sorgenti calde geotermiche erano grandi come un isolato e alti come un edificio di 8 piani. Eppure nel 1886, nel corso di una sola notte, la massiccia eruzione di un vicino vulcanotrasformò il paesaggio intorno al lago cancellando la meraviglia naturale.

Un ricercatore indipendente ora sostiene di sapere esattamente dove si trovano le terrazze. Il mistero è stato risolto utilizzando un diario di campo che apparteneva al geografo tedesco Ferdinand von Hochstetter, di cui nessuno era a conoscenza fino al 2011.

“Ci sono state quattro eruzioni del vulcano Terawera la notte del 10 giugno 1886”, ha detto Rex Bunn, che spiega l’entità del disastro. “Tre distinte eruzioni vulcaniche manifestatesi dal picco di una montagna e e ad esse le terrazze sono sopravvissuti. Ma alla fine un’eruzione idrotermale ha fatto saltare in aria il pavimento del lago e questo è ciò che seppellì le terrazze.”

Una enorme nuvola di finissima cenere vulcanica incandescente ha sepolto la superficie delle terrazze sotto una coperta di detriti oltre 50 piedi (15 metri) di spessore. La forma del lago è cambiata e molti dei punti di riferimento circostanti, tra cui le terrazze, sono scomparsi. Molti pensavano che l’attrazione turistica fosse stata distrutta dall’eruzione.

Una foto dell'epoca ritrae le Terrazze prima dell'eruzione del 10 giugno 1886 che le fece scomparire (Foto: e Buried Village museum, Rotorua,New Zealand)

Una foto dell’epoca ritrae le Terrazze prima dell’eruzione del 10 giugno 1886 che le fece scomparire (Foto: e Buried Village museum, Rotorua,New Zealand)

“Il governo non aveva mai esaminato l’area, in modo che i coloni non avevano modo di sapere dove esattamente fossero collocate le terrazze”, ha detto Bunn a Live Science. “Non c’era modo di ottenere le coordinate GPS così è diventato un mistero, che è continuato fino ad oggi.”

Bunn, un ricercatore indipendente, si è unito alla ricerca per trovare le terrazze quattro anni fa, dopo che aveva appreso dell’attività da parte di un team di ricerca internazionale nella zona. I ricercatori dell’istituto di ricerca geologica della Nuova Zelanda GNS Science, Waikato University e l’Oceanographic Institution di Woods Hole, negli Stati Uniti, hanno scoperto rocce rosa durante un rilevamento sul fondo del lago. Hanno suggerito che queste pietre rosee avrebbero potuto appartenere alle terrazze da lungo tempo perdute.

“Questo mi ha incoraggiato a lanciare un progetto di 6 milioni di dollari nel 2014 per abbassare il livello del lago e recuperare le terrazze”, ha detto Bunn. “Ma più tardi nello stesso anno, il gruppo di ricercatori mi ha avvertito di cessare gli sforzi, poiché sostenevano di aver trovato una nuova camera magmatica attiva, che avrebbe potuto innescare un’eruzione, se la mole d’acqua contenuta nel lago fosse diminuita.”

Ma in uno scherzo del destino, Bunn stava per inciampare su un documento che avrebbe cambiato la direzione della ricerca. Durante la ricerca per le immagini adatte al suo prossimo e-book sulle terrazze, si imbatté in una pubblicazione su Hochstetter, che conteneva le mappe disegnate a mano della zona intorno al lago Rotomahana. L’autore di questa pubblicazione, Sascha Nolden, un bibliotecario ricercatore presso la Biblioteca Nazionale della Nuova Zelanda, era anche in possesso del diario di campo di Hochstetter, che ha recuperato un paio di anni prima, mentre lavorava presso la tenuta di proprietà dei discendenti del geologo in Svizzera.

Ritratto del geologo e naturalista Christian Gottlieb Ferdinand von Hochstetter (1829 - 1884)

Ritratto del geologo e naturalista Christian Gottlieb Ferdinand von Hochstetter (1829 – 1884)

“Hochstetter è stato inviato dal regno austro-ungarico nel 1859 per unirsi alla spedizione della SMS Novara a svolgere attività di ricerca nei mari del sud”, ha detto Bunn.
La Seiner Majestät Schiff (“Nave di Sua Maestà”) Novara fu una fregata che circumnavigò il mondo durante la spedizione austriaca del 1857 – 1859, sotto il regno di Francesco Giuseppe I. La circumnavigazione della Terra, da aprile 1857 ad agosto 1859, della Novara fu, secondo il Naturhistorisches Museum di Vienna, uno dei viaggi più importanti mai compiuti dall’uomo. “Quando sono giunti in Nuova Zelanda, il governo coloniale gli ha chiesto di svolgere il lavoro di indagine sulla North Island. Ha trascorso molti mesi a lavorare sull’isola con i suoi assistenti e l’indagine ha incluso l’antico lago Rotomahana e la Terrazza Bianca e Rosa”

Immagine della fregata SMS Novara dalla copertina di "Spedizione della fregata austriaca Novara attorno alla Terra (1861-1876" pubblicazione in 21 volumi durata 15 anni del diario di navigazione

Immagine della fregata SMS Novara dalla copertina di “Spedizione della fregata austriaca Novara attorno alla Terra (1861-1876)” pubblicazione in 21 volumi durata 15 anni del diario di navigazione

Tuttavia, il governo coloniale sembra non avere mai ricevuto la documentazione. Hochstetter ritornò in Europa insieme al suo diario da campo, che contiene 24 pagine piene di informazioni sul lago Rotamahana e le sue Terrazze. Il diario sembra essere l’unica registrazione scientifica accurata che documenti la meraviglia naturale perduta.

“Ho subito visto che il diario conteneva dati numerici, che erano le coordinate di varie caratteristiche di tutto il vecchio lago Rotomahana”, ha detto Bunn. “La maggior parte di queste antiche caratteristiche lacustri riportate nel diario sono state distrutte dall’eruzione del 1886, ma 10 sono rimaste.”

Da queste posizioni sopravvissute, Bunn ha sviluppato un algoritmo per ricostruire le coordinate della zona dove Hochstetter si trovava nel 1859. Secondo Bunn, le posizioni registrate 150 anni fa devono essere adeguate per essere utilizzate oggi, perché il campo geomagnetico della Terra è cambiato dalla fine del 1800 . Successivamente, Bunn ha convertito i dati in formati di mappatura che potrebbero mostrare la posizione delle terrazze su Google Maps e altri servizi di mappatura del XXI secolo.

Bunn si è detto fiducioso sull’accuratezza delle sue scoperte. Ma le terrazze, in contrasto con i dati provenienti da ricerche precedenti, non giacciono sul fondo del lago. Piuttosto, esse sono sulla riva, coperte da 50 piedi (15 m) di depositi vulcanici. Bunn è in trattative con le tribù native che possiedono la terra, e che spera di condurre le indagini radar e perforazioni della zona nel tentativo di recuperare un pezzo di silicato di rosa e bianco.

“La cenere depositata sulle terrazze era solo di tra i 150 e i 250 gradi Celsius e non avrebbe deteriorato le terrazze”, sostiene Bunn. “Il punto di fusione del silicato è compreso tra i 600 e i 1.200 gradi Celsius, così che la cenere non avrebbe dovuto scalfirle ed è per questo che sono abbastanza fiducioso che esse giacciano sepolte.”

Il ricercatore spera che la meraviglia perduta possa essere scavata e ancora una volta esposta agli occhi del mondo. Le sorgenti di acqua calda che crearono le terrazze non esistono più. Ma, secondo Bunn, altre meraviglie del mondo, come ad esempio i monumenti di Roma antica e la Grecia, sono in condizioni meno-che-perfetto, eppure i turisti in cerca di sensazioni non sembrano preoccuparsene.

I risultati dello studio sono stati pubblicati online il 7 giugno nel Journal of Royal Society della Nuova Zelanda .

Articolo originale  

Taggato , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Translate »