Il seme d’uva più antico della Danimarca

Gli archeologi hanno scoperto l’uva più antica della Danimarca, vicino alla città di Rødbyhavn su Lolland. È rotto, carbonizzato e poco attraenteda guardare, ma la datazione rivela che risale all’età del bronzo. Ed è “completamente incredibile” secondo uno degli archeologi che l’hanno scoperto, l’archeo-botanico Peter Steen Henriksen, un curatore del Museo Nazionale della Danimarca.

Il nuovo ritrovamento è più vecchio di 1.750 anni rispetto al precedente detentore del record: un’uva scoperta in un insediamento vichingo.

Non ci sono registrazioni di vigneti in Danimarca nell’età del bronzo, quindi la nuova scoperta rivela il contatto con persone provenienti da regioni vinicole.

“Non molto tempo fa siamo rimasti folgorati dall’aver scoperto il più antico seme d’uva del periodo vichingo. Ora, guardiamo a questo. Cambia davvero la storia ed è molto, molto sorprendente “, afferma Henriksen.

Difficile da credere

Il piccolo seme d’uva proviene da Strandholm, una zona a est di Rødbyhavn, che viene scavata dal Museo Lolland-Falster.

Il seme è stato scoperto in un campione di suolo dagli strati di sedimento in un pozzo dal botanico  Mette Marie Hald del National Museum of Denmark mentre analizzava i campioni.

Il seme d'uva, che a prima vista può sembrare una pietra. (Foto: Museo Nazionale della Danimarca)

Il seme d’uva, che a prima vista può sembrare una pietra. (Foto: Museo Nazionale della Danimarca)

Hald e Heriksen hanno quindi allertato il curatore del museo Bjørnar Måge del Museo Lolland-Falster.

“Quando scrissero che avevano trovato un seme d’uva negli strati superiori del pozzo, inizialmente pensai ‘OK, deve essere una contaminazione moderna’. All’inizio ho detto che non pensavo dovesse essere datato “, dice Måge.

Ha riconsiderato l’opzione una volta informato che si trattava di un vecchio tipo di seme. Poco dopo, Måge si ritrovò a tenere in mano i semi d’uva più antichi della Danimarca.

Il seme testimonia il contatto da lontano

Il piccolo seme racconta una storia di contatto con persone ben oltre i confini della Danimarca in una fase iniziale della storia scandinava.

“Conferma ciò di cui abbiamo sentito parlare tanto recentemente. La scoperta suggerisce che in quel periodo le persone si sono spostate molto più di quanto pensassimo in precedenza “, afferma Måge.

Da allora gli scienziati hanno scoperto molte tracce di prove che mostrano una grande mobilità di persone e merci nell’età del bronzo.

Gli archeologi del Museo Lolland-Falster misurano il pozzo in cui è stato scoperto il seme dell'uva. (Foto: Steen Knudsen, Museo Lolland-Falster)

Gli archeologi del Museo Lolland-Falster misurano il pozzo in cui è stato scoperto il seme dell’uva. (Foto: Steen Knudsen, Museo Lolland-Falster)

“Il seme è una scoperta fortunata. Non possiamo dire che questo di per sé indica che le uve erano comunemente usate nel Lolland in questo momento. Possiamo solo dire che si presenta e che è un indicatore di contatto. L’aspetto interessante non è tanto il seme stesso, ma quando si inizia a inserirlo in un contesto “, dice Måge.

L’area è ricca di reperti archeologici

I ricercatori non sanno ancora molto delle persone che abitavano nella punta meridionale della Danimarca, ma sanno che l’area è stata abitata da migliaia di anni. Molte scoperte archeologiche – risalenti a periodi temporali diversi – sono state fatte nella zona nel corso degli anni.

Il seme si trova anche in una zona in cui gli archeologi hanno trovato una ricchezza di indicatori di attività nella tarda età del bronzo (1100-800 a.C.).

“Nella stessa zona abbiamo scoperto una tomba megalitica. È datata tra 3.300 e 3.000 anni a.C., ma 2.000 anni dopo – età del bronzo avanzata – ci sono circa 100 fosse di pietra da cucina [pozzi nel terreno con una pietra calda su cui cucinare il cibo] disposte in cerchi attorno a questa tomba “, dice Måge .

Questo suggerisce che il sito è stato occasionalmente utilizzato per cucinare cibo per grandi gruppi di persone, dice.

“Quindi puoi immaginare che sia collegato alla scoperta dei semi d’uva. Possiamo almeno dire che c’era molta attività nella zona “.

Articolo originale

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.