La ragazza di Skrydstrup dell’età del bronzo: nuovi risultati della ricerca

Una donna dell’età del bronzo, i cui resti sono stati scoperti in un famoso ritrovamento nel sud della Danimarca, a Skrydstrup, era giunta qui da terre lontane.

La Ragazza di Skrydstrup

La Ragazza di Skrydstrup

Nell’ambito del progetto triennale “I racconti delle Donne dell’Età del Bronzo”, condotto dalla dottoressa Karin Margarita Frei del Museo Nazionale di Danimarca e finanziato dalla Fondazione Carlsberg, nuovi studi e analisi hanno dimostrato che la Ragazza di Skrydstrup,  scoperta in un tumulo nel 1935, non era né nata né cresciuta in Danimarca.

Le nuove informazioni circa i famosi resti dell’età del bronzo sono state rivelate sulla emittente nazionale in una serie di documentari Historien om Danmark (La storia della Danimarca) e saranno pubblicate entro la fine dell’anno.

“Questo sta per cambiare un bel po’ la nostra comprensione dell’intera età del bronzo”, afferma Karin Margarita Frei  nel programma.

L'intero corpo della giovane di Skrydstrup conservata nella sua bara di quercia. (Foto: Museo Nazionale di Danimarca)

L’intero corpo della giovane di Skrydstrup conservata nella sua bara di quercia. (Foto: Museo Nazionale di Danimarca)

Nel 2015, un altro famoso corpo danese conservato, la ragazza di Egtved , suscitò grande scalpore quando si scoprì che era originaria della Germania meridionale, piuttosto che dell’attuale Danimarca.

“Il risultato è importante perché dimostra che la ragazza Egtved non era un’eccezione. Sembra ci sia un modello che ci dice come le persone, e in questo caso le donne, si siano trasferite in Europa durante l’età del bronzo,”afferma Karin Frei che si occupò anche dello studio di Egtved.

“Gli studi di Egtved sono stati entusiasmanti, ma c’è bisogno di più risultati, prima di trarre conclusioni definitive. Nell’età del bronzo sono giunte in Danimarca alcune donne che emergono essere qualcosa di più importante di una semplice appendice degli uomini. La ragazza di Egtved è venuta qui da molto lontano, forse per sposare un capo locale o forse come ospite-ostaggio, come sappiamo avvenisse nella Grecia antica e di Omero. Ulteriori risultati ci aiutano nel processo di interpretazione dell’intera società e nel tentativo di definire il ruolo delle donne nell’età del bronzo “, dice Flemming Kaul, curatore del Museo Nazionale di Danimarca ed esperto dell’età delbronzo.

Particolare della testa, con una peculiare acconciatura

Particolare della testa, con una peculiare acconciatura

Ricostruzione grafica dell'acconciatura ottenuta tramite una reticella in crini di cavallo, e una corda in lana che raccoglieva i capelli portati tutti verso davanti (Immagine: Museo Nazionale di Danimarca)

Ricostruzione grafica dell’acconciatura ottenuta tramite una reticella in crini di cavallo, e una corda in lana che raccoglieva i capelli portati tutti verso davanti (Immagine: Museo Nazionale di Danimarca)

I ricercatori hanno scoperto che la ragazza Skrydstrup arrivò in Danimarca all’età di circa 13 o 14, fino a quel momento viveva in una regione “a diverse centinaia di chilometri di distanza”  forse la Repubblica Ceca, la Francia o la Germania centrale.

La giovane donna ha vissuto nella zona intorno Skydstrup per quattro anni prima di morire a circa 17 anni intorno al 1300 a.C.

Resti di denti, ossa e capelli hanno permesso ai ricercatori di tracciare la vita della donna in un modo non possibile con reperti precedenti, così come è stato per la ragazza  di Egtved.

“Il suo luogo di sepoltura in Danimarca suggerisce che lei era un membro dell’elite, probabilmente già prima del suo arrivo. Ad esempio, i denti ci dicono che ebbe un’alimentazione adeguata fin dalla giovane età, che può essere un segno di alto rango. La migrazione improvvisa a lunga distanza può essere il segno di un’alleanza tra tribù o un matrimonio combinato”, riporta Frei.

Kristian Kristiansen, professore di archeologia all’Università di Stoccolma, ha detto che questi risultati sono significativi per la comprensione dell’età del bronzo.

“La ragazza di Skrydstrup dimostra che l’età del bronzo è stata l’era della globalizzazione. Persone si sono spostate da sud a nord per scopi matrimoniali o hanno affrontato lunghi viaggi commerciali. L’archeologia ha da tempo dimostrato questo, ma ora abbiamo anche la prova scientifica che accadde”, ha detto Kristiansen.

Non soltanto il corpo è bn conservato al punto di consentire le analisi sugli isotopi di stronzio che hanno fornito i recenti risultati illustrati lo scorso 25 marzo, ma anche i tessuti e le altre componenti organiche del corredo. Come ad esempio le parti che compongono l’elaborata acconciatura della giovane.

L’abito indossato è in due pezzi, in lana, con ricami a sottolineare la scollatura e le maniche.

Aveva inoltre con sé un pettine d’osso legato in vita tramite la cintura e una cuffia in lana eseguita con la tecnica detta sprang giaceva accanto al corpo.

 

 

Ricostruzione dell'acconciatura

Ricostruzione dell’acconciatura

 

Ricostruzioni degli abiti indossati dalle due giovani di Skrydstrup ed Egtved

Ricostruzioni degli abiti indossati dalle due giovani di Skrydstrup ed Egtved

 

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento