La sepoltura di una donna siberiana di 4500 anni fa legata ai nativi americani

I suoi tesori comprendono un bruciatore di incenso decorato con simboli solari, 1.500 perline che un tempo adornavano il suo costume e 100 ciondoli realizzati con denti di animali.

Il luogo di sepoltura della donna, indisturbato attraverso i secoli, contiene anche i resti di un bambino e offre una vasta gamma di indizi circa la vita di questi antichi popoli. (Foto: IIMK RAS)

Il luogo di sepoltura della donna, indisturbato attraverso i secoli, contiene anche i resti di un bambino e offre una vasta gamma di indizi circa la vita di questi antichi popoli. (Foto: IIMK RAS)

Il ritrovamento intrigante dei resti di un “nobildonna” dall’antica cultura Okunev è stata fatta nella Repubblica di Khakassia.

Il popolo Okunev è visto come il gruppo etnico siberiano più strettamente legato ai nativi americani. In altre parole, furono gli antenati degli Okunev che popolarono l’America molto probabilmente avventurandosi attraverso la Beringia coperta di ghiaccio circa 12.600 anni fa.

La misteriosa e antica cultura era “senza precedenti” in Siberia in termini di ricchezza artistica e diversità, secondo gli esperti.

Indisturbato dai saccheggi dei tombaroli, il luogo di sepoltura della donna, che contiene anche i resti di un bambino, offre una vasta gamma di indizi circa la vita di questi antichi popoli.

Il bruciatore di incenso trovato nella tomba contiene volti a forma di sole, che corrispondono a precedenti ritrovamenti di antica arte rupestre in Siberia. (Foto: IIMK RAS)

Il bruciatore di incenso trovato nella tomba contiene volti a forma di sole, che corrispondono a precedenti ritrovamenti di antica arte rupestre in Siberia. (Foto: IIMK RAS)

Il capo della spedizione Dott Andrey Polyakov ritiene che la tomba della “nobildonna” risalga alla prima età del bronzo, tra il XXV  e  il XVIII secolo a.C.

“Per un’epoca così antica, questa donna ha veramente moltissimi elementi nella sua tomba,” ha detto. “Non abbiamo incontrato nulla di simile nelle altre sepolture di quest’epoca, il che ci porta a ritenere che i manufatti avessero un significato rituale. Speriamo di ottenere ancora più rari e spettacolari ritrovamenti il prossimo anno, quando continueremo a studiare questo tumulo unico e apriremo la sepoltura centrale.”

Circa 100 decorazioni realizzate con denti di animali diversi segnano lo status speciale della donna. (Foto: IIMK RAS)

Circa 100 decorazioni realizzate con denti di animali diversi segnano lo status speciale della donna. (Foto: IIMK RAS)

Gli archeologi ritengono che la donna “godesse di uno status speciale durante la sua vita”, come indicato da circa 100 decorazioni realizzate con denti di animali diversi, oggetti intagliati in osso e corno, due vasetti, astucci con aghi d’osso all’interno, un coltello di bronzo, e più di 1.500 perline che abbellivano il suo costume funerario.

C’è particolare entusiasmo per il bruciatore di incenso perché contiene volti a forma di sole, che corrispondono a precedenti ritrovamenti di antica arte rupestre in Siberia. Il bruciatore di incenso in argilla recante tre immagini di volti a forma di sole, recuperato dalla tomba, è il ritrovamento più importante di tutti,  riferiscono gli archeologi.

“E’ difficile sopravvalutare la sua importanza. Tutte le immagini simili precedentemente scoperte erano state trovate solo su scogliere o pietre isolate. Ora c’è la prospettiva di scoprire quando sono state eseguite”.

Le pietre di copertura di alcune tombe sul tumulo indicato come Itkol II recano anch'esse immagini incise note come "facce Okunev". (Foto: IIMK RAS)

Le pietre di copertura di alcune tombe sul tumulo indicato come Itkol II recano anch’esse immagini incise note come “facce Okunev”. (Foto: IIMK RAS)

“Ora, grazie alla nostra ricerca attuale, possiamo sicuramente dire che queste opere rupestri sono state eseguite dai rappresentanti della cultura Okunev. Dopo la datazione precisa e il restauro, il bruciatore di incenso sarà esposto presso il famoso Museo dell’Ermitage in St Petersburg, ha detto Polyakov.

La posizione in cui sono state effettuate le scoperte è conosciuta come il luogo di sepoltura Itkul II, nel quartiere Shira di Khakassia. Gli scavi iniziarono qui nel 2008 restituendo circa 560 reperti in totale finora, ma c’è la sensazione che il meglio debba ancora venire.

Un’altra scoperta è una lastra in pietra con una rara immagine di toro con un lungo corpo rettangolare. Queste raffigurazioni non sono comuni nel sud della Siberia, ma sono conosciute sul territorio dell’odierno Kazakhstan. Gli archeologi leggono questo ritrovamento come un’indicazione che il popolo Okunev possa essere migrato da sud fino  a Khakassia.

Gli scavi iniziarono qui nel 2008 restituendo circa 560 reperti in totale finora, ma c'è la sensazione che il meglio debba ancora venire. (Foto: IIMK RAS)

Gli scavi iniziarono qui nel 2008 restituendo circa 560 reperti in totale finora, ma c’è la sensazione che il meglio debba ancora venire. (Foto: IIMK RAS)

Questo significa che gli attuali nativi americani sono originari dal Kazakistan e non della Siberia meridionale, come si pensava? Attendiamo ulteriori prove scientifiche a riguardo.  

I tetti in pietra di alcune tombe su un tumulo in Itkul II recano anche immagini incise note come facce Okunev. Gli archeologi ritengono che non siano volti di persone reali, ma più probabilmente immagini di spiriti, dei e altre entità soprannaturali. Uno dei volti appartiene a una tipologia mai vista prima, anche se i dettagli di questa scoperta non sono stati resi pubblici finora.

La cultura deve il suo nome alla località di Okunev, nel sud della Khakassia, dove il primo luogo di sepoltura di questo tipo è stato scavato nel 1928. Le Steli Okunev,  colonne in pietra antropomorfe di diversi metri d’altezza, sono il monumento più conosciuto attribuito a questo cultura.

La parte superiore di queste stele presenta la forma del becco di un uccello. La parte centrale è decorata con immagini di una o più creature antropomorfe, mentre la parte inferiore assomiglia alla bocca aperta di un serpente.

Le Steli Okunev: colonne in pietra antropomorfe alte diversi metri, sono il monumento più conosciuto di questa antica cultura. (Foto: Boris Dolinin, Elena Sibiryakova)

Gli esperti le interpretano come prova di sofisticate credenze di queste antiche popolazioni. Essi sostenevano che il mondo intorno a loro si compone di tre elementi principali.

Il dottor Polyakov afferma che “le prove archeologiche della cultura Okunev sono un fenomeno unico della prima età del bronzo in Siberia meridionale. Abbiamo una grande quantità di patrimonio artistico, sotto forma di numerose immagini, “maschere”, scolpite o incise sulle rocce. Hanno uno stile particolare, che è simbolo della cultura Okunev”.

Abbiamo una grande quantità di patrimonio artistico, sotto forma di numerose immagini, "maschere", scolpite o incise sulle rocce. Hanno uno stile particolare, che è simbolo della cultura Okunev (Foto: Boris Dolinin)

Abbiamo una grande quantità di patrimonio artistico, sotto forma di numerose immagini, “maschere”, scolpite o incise sulle rocce. Hanno uno stile particolare, che è simbolo della cultura Okunev (Foto: Boris Dolinin)

Fino ad oggi, gli esperti non potevano provare il collegamento diretto tra arte rupestre e cimiteri Okunev. L’attuale ritrovamento modifica questo aspetto.

Due anni fa il pescatore siberiano Nikolay Tarasov stava pescando carpe con la rete. Una di queste si impigliò in un oggetto: la statuetta “unica e sorprendente” scolpita in corno, in seguito fossilizzato, rappresentante una divinità pagana  di 4000 anni fa. La figurina ha occhi a mandorla, una grande bocca con labbra carnose e un’espressione feroce. Il ritrovamento è stato ritenuto appartenente alla cultura Okunev.

 Siberian Times

Approfondimenti sulla Cultura Okunev

QR Code - Take this post Mobile!
Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.
Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.