La tecnologia aiuta a leggere un testo del VI secolo

A metà del XVI secolo, un rilegatore prese un pezzo di pergamena, già vecchio di secoli, e lo usò per rilegare un libro di poesia. Il testo su quella pergamena è rimasto illeggibile per quasi 500 anni, ma ora, grazie a tecniche di imaging all’avanguardia, possiamo ancora leggerne il contenuto.

L’analisi del testo del VI secolo ha rivelato che era parte di un codice legislativo romano. Chi ha rilegato il libro probabilmente ha considerato il testo obsoleto e ne ha fatto un diverso uso.

Il risultato della ricerca è notevole, in quanto può essere utilizzata per aiutare a decifrare il testo su altre pergamene usate in legatoria, hanno detto i ricercatori.

Tra il XV e il XVIII secolo, i rilegatori riciclarono ordinariamente le pergamene medievali per i nuovi libri stampati. Una pergamena è un sottile e rigido pezzo di pelle animale, di solito di pecora o capra, e risultava ottimale per le coperture dei libri. Gli studiosi conoscono da tempo questa pratica, ma anche se erano interessati al testo scritto su queste vecchie pergamene, non erano in grado di leggerlo.

Il testo medioevale era difficile da leggere senza l'aiuto della tecnologia di imaging. (Foto: Emeline Pouyet)

Il testo medioevale era difficile da leggere senza l’aiuto della tecnologia di imaging.
(Foto: Emeline Pouyet)

“Per generazioni, gli studiosi hanno pensato che queste informazioni fossero inaccessibili, quindi pensarono:” Perché preoccuparsene? ” ha dichiarato in un’intervista il ricercatore senior dello studio, Marc Walton, del Northwestern University of Art Institute di Chicago. “Ma ora l’elaborazione dei segnali computazionali avanza ed apre un’occasione completamente nuova per leggere questi testi”.

Il libro indagato è una copia risalente al 1537 de “Le opere e i giorni” del poeta greco Esiodo, uno scrittore vissuto tra l’VIII e il VII secolo a.C.  La Northwestern ha acquistato il libro nel 1870.

Il testo sulla parte di pergamena utilizzata come rilegatura appare raschiato, come normalmente avvenne in molti casi, nei famosi palinsesti, per riciclare il prezioso supporto e utilizzarlo per nuovi scritti. Ma su questa particolare pagina rimasero due colonne “fantasma” e i commenti nei margini.

La Cornell High Energy Synchrotron Source (CHESS)fornisce una visione incredibilmente chiara del testo. (Foto: Emeline Pouyet)

La Cornell High Energy Synchrotron Source (CHESS)fornisce una visione incredibilmente chiara del testo.
(Foto: Emeline Pouyet)

“L’inchiostro sottostante ha degradato in qualche modo la pergamena, per cui si intravvedeva la scrittura ed ecco dove è iniziato lo studio analitico”, dichiara Emeline Pouyet, un ricercatrice in NU-ACCESS, nel comunicato.

Walton e Pouyet hanno provato una tecnica di imaging iperspettrale, un metodo che identifica l’intervallo dello spettro per ogni pixel dell’immagine per evidenziare le parole, il che ha reso il testo solo di poco più chiaro, perché la pergamena era degradata irregolarmente. Quindi hanno provato l’imaging a fluorescenza a raggi X, una tecnica che ha restituito dati sulla composizione dell’inchiostro, ma non ha reso più leggibile il testo.

Infine, i ricercatori hanno raggiunto l’obiettivo: la squadra ha inviato il libro al Cornell High Energy Synchrotron Source (CHESS) di Ithaca, New York, dove i potenti raggi X hanno interamente ricostruito l’immagine del testo e dei suoi commenti marginali. Quando i ricercatori hanno inviato i risultati al co-ricercatore Richard Kieckhefer, professore di religione e storia a Northwestern, questi ha annunciato che si trattava di un codice di legge romano del VI secolo con appunti che fanno riferimento alla legge canonica della chiesa.

È possibile che questa pergamena sia stata usata originariamente in un ambiente universitario in cui gli studenti hanno studiato la legge romana come base per la comprensione del diritto canonico, una pratica comune durante il Medioevo, hanno detto i ricercatori.

I ricercatori hanno utilizzato una varietà di tecniche che li aiutassero a leggere il testo del VI secolo. (Foto: Emeline Pouyet)

I ricercatori hanno utilizzato una varietà di tecniche che li aiutassero a leggere il testo del VI secolo.
(Foto: Emeline Pouyet)

Non tutti i libri rari, però, possono essere inviati fuori sede per l’analisi al CHESS. Quindi, utilizzando un algoritmo di apprendimento macchina, i ricercatori, insieme a professori di ingegneria elettronica e di informatica Aggelos Katsaggelos e Oliver Cossairt della Northwestern, hanno trovato un modo migliore per trattare le pergamene come questa.

Piuttosto che utilizzare una sola tecnica, hanno trovato che una combinazione di immagini iperspettrali e di fluorescenza a raggi X  forniva i migliori risultati.

“Combinando le due modalità, abbiamo avuto i vantaggi di ciascuno”, ha detto Katsaggelos nella dichiarazione. “Siamo stati in grado di leggere con successo quello che era all’interno della copertina del libro”.

La squadra sta ora cercando altre pergamene da decifrare. “Abbiamo sviluppato le tecniche”, ha detto Walton. “Ora possiamo entrare in una collezione museale e studiare molti altri di questi manoscritti riciclati per rivelare la scrittura nascosta alloro interno”.

da LiveScience

Lo studio è stato pubblicato online nel numero di agosto della rivista Analytica Chimica Acta .

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.