L’ultimo vichingo e la sua spada “magica”

La sorprendente scoperta di una spada di epoca tardo-vichinga impreziosita da oro, iscrizioni e altri ornamenti è stata resa nota solo ora. Recuperata nel sud del villaggio di Langeid, in Norvegia, nel 2011, l’arma medievale viene esposta per la prima volta presso il Museo Storico di Oslo.
La spada doveva appartenere a un uomo ricco della tarda epoca vichinga. Ma chi era e che iscrizioni sono inserite nella decorazione in oro? Il proprietario della spada potrebbe essere un membro dell’esercito del re danese Canuto quando attaccò l’Inghilterra nel 1014-1015?

La spada vichinga esposta ora al Museo Storico di Oslo (Foto: Ellen C. Holthe, Museo di Storia Culturale, Università di Oslo)

La spada vichinga esposta ora al Museo Storico di Oslo (Foto: Ellen C. Holthe, Museo di Storia Culturale, Università di Oslo)

Siamo rimasti semplicemente a bocca aperta

Nell’estate del 2011, gli archeologi del Museo di Storia Culturale di Oslo hanno scoperto una sepoltura  vichinga nella regione della valle Setesdal, a sud ovest di Oslo. In una delle tombe hanno fatto una scoperta sorprendente.

“Anche prima di iniziare lo scavo di questa tomba, ho capito che era qualcosa di molto speciale: era così grande e sembrava diversa dalle altre 20 tombe del cimitero. In ognuno dei quattro angoli della tomba c’erano buche di palo “, ha detto il responsabile dello scavo Camilla Cecilie Wenn del Museo di Storia Culturale.

Le buche di palo rivelano che c’era un tetto sopra la tomba, segno che la tomba avesse un posto di rilievo nel cimitero. Ma scavando sul fondo del sarcofago si trovarono poche tracce di doni per l’aldilà, solo due piccoli frammenti di monete d’argento. Le monete erano dal nord Europa; una era probabilmente dell’epoca vichinga tedesca, a giudicare da come è stata incisa, mentre l’altro era un penny coniato sotto Ethelred II in Inghilterra, risalente al periodo 978-1016.

“Ma quando siamo andati a scavare fuori dal feretro abbiamo letteralmente sbarrato gli occhi per la meraviglia. Lungo entrambi i lati, era visibile un oggetto metallico, difficile da definire. Improvvisamente una zolla di terra è franata di lato in modo che l’oggetto è diventato più chiaro. Non riuscivamo a trattenerci quando abbiamo capito che era l’elsa di una spada! E dall’altro lato della bara, il metallo si è rivelato essere una grande ascia. Anche se le armi erano coperte di ruggine quando le abbiamo trovate, ci siamo resi conto subito che erano speciali e insolite. Erano messe lì per proteggere la persona morta dai nemici, o per simboleggiare il suo potere? ”

Datando (con il metodo del C14 n.d.t.) il carbone di una delle buche di palo la tomba è risultata risalire a un’epoca intorno all’anno 1030, alla fine dell’era vichinga. “Il che si adatta bene con la scoperta della moneta inglese.”

Vegard Vike mentre esamina la spada (Foto: Ellen C. Holthe, Museo di Storia Culturale, Università di Oslo)

Vegard Vike mentre esamina la spada (Foto: Ellen C. Holthe, Museo di Storia Culturale, Università di Oslo)

La spada

La spada doveva appartenere a un uomo ricco che ha vissuto nella tarda epoca vichinga:  è lunga 94 centimetri e sebbene la lama di ferro sia arrugginita, l’impugnatura è ben conservata. E’ avvolta con filo d’argento e l’elsa e il pomello sono rivestiti in argento con dettagli in oro, bordato con un filo di lega di rame”, ha detto il responsabile del progetto Zanette Glørstad.

“Quando abbiamo esaminato la spada più da vicino, abbiamo anche trovato resti di legno e pelle sulla lama. Devono essere resti del suo fodero “, ha spiegato il curatore Vegard Vike che ha avuto il difficile compito di ripulire l’impugnatura e preservare la spada.

La spada è decorata con ampie spirali, diverse combinazioni di lettere e ornamenti cruciformi. Le lettere sono probabilmente latine, ma quale sia il significato delle iscrizioni è ancora un mistero.

“In cima al pomello, possiamo vedere chiaramente l’immagine di una mano che regge una croce. Questo disegno è unico e non sappiamo di risultanze simili su altre spade di era vichinga. Sia la mano che le lettere indicano che la spada è stata deliberatamente decorata con simbologia cristiana. Ma come ha fatto una tale spada a finire in un cimitero pagano, in Norvegia? Il design della spada, i simboli e il metallo prezioso utilizzato rendono perfettamente chiaro che questo era un magnifico tesoro, probabilmente prodotto all’estero e riportato in Norvegia da un uomo molto importante “, ha aggiunto Camilla Cecilie Weenn.

“Il modo in cui le spade sono descritte nelle saghe suggerisce che la spada è un importante indicatore dell’identità del guerriero. Una spada rivela lo status sociale, la sua posizione di potere e la sua forza. Le saghe ci indicano anche che l’oro aveva un particolare valore simbolico nella società norvegese. Nella letteratura norrena l’oro rappresentava il potere e la potenza.

L’oro si trova raramente tra il materiale archeologico del periodo vichingo e proprio per questo stava ad indicare il potere e la potenza. Ciò indica che l’oro aveva un notevole valore economico e simbolico. Sulla base delle descrizioni in letteratura, si può dire che la spada era il gioiello maschile per eccellenza dell’era vichinga “, ha dichiarato Hanne Lovise Aannestad, autrice di un recente articolo sulle spade decorate vichinghe.

Magia

Le saghe sottolineano l’importanza delle spade ornate che potevano avere impugnature d’oro con decorazioni e rune magiche. Le saghe mitiche raccontano di spade magiche forgiate da nani. La creazione di miti intorno all’arte del fabbro e la realizzazione di spade di alta qualità può essere correlata al fatto che poche persone ne possedevano padronanza tecnica. La produzione di oggetti di metallo di alta qualità può essere stata una forma di conoscenza nascosta non disponibile per la maggior parte delle persone. Questo donava agli oggetti un’aura magica.

“Nella letteratura medievale, le spade sono indicate come oggetti estetici, potenti e magici. Le molte somiglianze tra le descrizioni delle spade in norreno e la letteratura medievale suggeriscono che lo splendore della spada in quest’ultima aveva radici nei concetti vichinghi del potere simbolico, la magia e gli aspetti rituali della spada ornata. L’epoca vichinga fu un periodo di grandi sconvolgimenti sociali. In momenti come questo, alcuni oggetti simbolici possono svolgere un ruolo importante nella negoziazione di posizioni sociali. Molto suggerisce che queste magnifiche spade fossero tra tali oggetti, che riflettono lo stato e il potere del guerriero e del suo clan “, ha dichiarato Hanne Lovise.

Impugnatura della spada (Foto: Ellen C. Holthe, Museo di Storia Culturale, Università di Oslo)

Impugnatura della spada (Foto: Ellen C. Holthe, Museo di Storia Culturale, Università di Oslo)

L’ascia

L’ascia trovata nella stessa tomba non ha decorazioni in oro. Ma l’asta è ricoperta di ottone che poteva benissimo brillare come l’oro, quando il sole splendeva. Tali rivestimenti dell’asta sono molto rari in Norvegia. Ma un certo numero di asce da guerra simili a questa è stato trovato nel fiume Tamigi a Londra. Ciò rende l’ascia particolarmente interessante. La datazione dell’ascia di Langeid mostra che appartiene allo stesso periodo delle asce rinvenute nel Tamigi. Ci fu una lunga serie di battaglie lungo il Tamigi  tra la fine del X e inizio dell’XI secolo. Il re danese Sweyn Forkbeard e suo figlio Canuto condussero i loro eserciti contro il re inglese nella battaglia per il trono dell’Inghilterra. Anche il re norvegese Olav (Haraldsson) il Santo è stato coinvolto nell’attacco a Londra nel 1009. Gli uomini sotto il re danese provenivano da tutta la Scandinavia. Le asce sono state perse nel Tamigi durante i numerosi scontri, o i vincitori le hanno gettate nel fiume?

La spada apparteneva a un vichingo dell’esercito di re Canuto?

Più in basso lungo la Valle del Setesdal troviamo una pietra runica, che dice: “Arnstein ha innalzato questa pietra in memoria di Bjor suo figlio. Ha trovato la morte quando Canuto “ha attaccato” l’Inghilterra. Dio è uno. “(Tradotto dal norvegese antico). Il testo si riferisce probabilmente agli attacchi di re Canuto contro l’Inghilterra nel 1013-1014. E’ probabile che la pietra sia stata eretta subito dopo le incursioni, da un padre il cui figlio non è più tornato a casa. Una fonte scritta del XII secolo afferma che i guerrieri più vicini al re Canuto dovevano soddisfare determinati requisiti. I soldati dovevano rendere onore al re, dovevano appartenere alle famiglie più importanti della società e provvedere alle loro asce e impugnature di spada dorate.

Ricostruzione pietra di Galteland (immagine dal sito http://www.runsten.info/)

Ricostruzione pietra di Galteland (immagine dal sito http://www.runsten.info/)

Pietra di Galteland (immagine dal sito http://www.runsten.info/)

Pietra di Galteland (immagine dal sito http://www.runsten.info/)

Trascrizione epigrafe runica di Galteland (immagine dal sito http://www.runsten.info/)

Trascrizione epigrafe runica di Galteland (immagine dal sito http://www.runsten.info/)

La spada di Langeid sarebbe senza dubbio stata approvata dal re Canuto, probabilmente anche l’ascia. La spada è stata forgiata fuori dalla Norvegia e un’origine anglosassone è del tutto possibile. La scure è molto simile a quelle trovate nel Tamigi, soprattutto nel suo rivestimento in ottone. La tomba con la spada conteneva anche l’unica moneta trovata in Langeid proveniente dalla regione anglosassone, il che aumenta la possibilità che il defunto avesse un legame particolare con gli eventi dell’Inghilterra.

“E ‘molto probabile che il defunto fosse uno degli uomini scelti da re Canuto per le battaglie contro il re Ethelred d’Inghilterra. Visto in connessione con la pietra runica più a valle, si è tentati di suggerire che Bjor stesso sia stato riportato a casa e qui sepolto. Un’altra possibilità è che al padre Arnstein siano state restituite solo le magnifiche armi di suo figlio e che, proprio per questo motivo, abbia deciso di erigere una pietra runica per il figlio come sostituto di una tomba. Quando morì lo stesso Arnstein, le armi gloriose del figlio sono state poste nella sua tomba. La morte del figlio doveva essere molto dura per un uomo anziano. Forse i loro parenti hanno onorato sia Arnstein che Bjor lasciando che Arnstein fosse sepolto con le armi testimoni di una storia così eroica “, ha detto Zanette Glørstad.

La pietra runica data lo stesso periodo della fase finale del sepolcreto e testimonia che il cristianesimo è in procinto di mettere radici nella società norvegese. E’ la più antica pietra runica in Norvegia che si riferisca al cristianesimo. Questo potrebbe anche spiegare il motivo per cui le armi sono state collocate al di fuori della bara? In un periodo di transizione, le persone possono aver scelto di utilizzare sia elementi pagani che cristiani in un funerale. La tomba di Langeid è uno degli ultimi funerali pagani che conosciamo in Norvegia e segna sia la grandezza che la fine dell’era vichinga.

“Take it personally”

Dall’estate del 2011, la spada di Langeid è rimasta inedita. La sua esposizione oggi è stata resa possibile dal lavoro meticoloso e di ricerca di conservatori e archeologi presso il Museo di Storia della Cultura. Finalmente è visibile al pubblico esposta nella mostra “Take it personally” (“Fanne una questione personale”) una mostra di gioielli e ornamenti personali  attraverso il tempo e lo spazio al Museo Storico di Oslo.

Articolo originale

Università di Oslo

Taggato , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.