Notizie – Una tesi di dottorato contesta il British Museum

IL BRITISH MUSEUM DI LONDRA STA RISCRIVENDO LA STORIA PER APPARIRE IN UNA LUCE MIGLIORE E DIFENDERSI CONTRO LE RICHIESTE DI RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI AI LORO PAESI DI ORIGINE. QUESTA È LA CONCLUSIONE DI UNA NUOVA TESI DI DOTTORATO IN ARCHEOLOGIA PRESSO L’UNIVERSITÀ DI GÖTEBORG

Uno dei numerosi Oggetti del Benin, placca in bronzo del VI secolo

Uno dei numerosi Oggetti del Benin, placca in bronzo del VI secolo,51 x 37 cm, Edo peoples, Benin, Nigeria, © Trustees of the British Museum

‘La manipolazione del passato non è un fenomeno nuovo. Gli esempi più infami possono essere trovati nel modo in cui gli  stati totalitari registrano spesso la loro storia, come quando il governo sovietico ritoccò le foto al fine di rimuovere le persone che erano diventati indesiderabili. Ma che i musei rivedano la propria storia in un modo simile non è mai stato documentato prima ‘, dice Staffan Lundén, autore della tesi.

Lo studio esamina la rappresentazione del British Museum dei cosiddetti Bronzi di Benin. Gli oggetti divennero noti in Europa dopo che i Britannici conquistarono e saccheggiarono Benin City nell’attuale Nigeria nel 1897. Molti di essi sono finiti al British Museum, e oggi alcuni di questi sono tra gli oggetti più noti nella collezione del museo. Vengono a giocare un ruolo chiave nella discussione su chi possiede i beni culturali che sono stati saccheggiati dai vari paesi durante il periodo coloniale.

La versione di The British Museum infondata

Oggi il museo promuove l’idea che la scoperta del mondo occidentale dei sofisticati Bronzi di Benin abbiano aiutato a cambiare l’opinione prevalente sugli africani come razza inferiore. Gli studiosi del museo rivestirono ruoli critici nello scoprire che gli oggetti in effetti erano di origine africana e non il risultato di influenze esterne.

‘Nessuno ha mai guardato più da vicino se la storia del museo è vera. La mia recensione dei testi accademici sugli oggetti Benin che sono stati pubblicati nel 1900 mostra che la rappresentazione del British Museum della storia è del tutto infondata ‘.

Il materiale di origine, che comprende anche altre pubblicazioni del museo, principalmente libri, invece rivela che il museo per lungo tempo ha promosso una visione gerarchica del mondo considerando la cultura occidentale come superiore. Gli studiosi del museo, che agli inizi del 1900 scrissero sugli oggetti del Benin hanno affermato che essi erano il risultato di influenze portoghesi.

Stereotipi sprezzanti legittimati

La ricerca di Lundén mostra anche che gli studiosi del museo non hanno aiutato a cambiare la visione  degli africani. Invece diffusero e offrirono legittimazione scientifica agli stereotipi degli africani, paragonando ad esempio i neri alle scimmie.

‘E’ notevole che la cosiddetta informazione fornita dal museo su sé stesso e la storia degli oggetti del Benin sia totalmente contraddetta dal materiale di partenza. Lo studio dimostra che il punto di vista veicolato dal museo è fortemente caratterizzato da un pio desiderio, dalla proprie tradizioni del museo e da valori culturali occidentali ‘.

‘Ragioni per essere critici’

La necessità del museo di argomentare contro la restituzione dei beni è un forte stimolo per la sua riscrittura della storia e la glorificazione del suo passato. Secondo Neil MacGregor, direttore del museo fino allo scorso anno, il brozi del Benin esemplificano come il British Museum fin dalla sua apertura nel 1753 abbia promosso la tolleranza e il rispetto delle differenze culturali. Così, egli sostiene che gli oggetti forniscano un ‘argomento chiave’ contro la restituzione dei beni presenti nelle collezioni del museo.

Paradossalmente, Lundén conclude, mentre la dichiarazione di obiettività e l’imparzialità è fondamentale per la difesa del museo contro la restituzione dei beni, sembra che la questione della proprietà contribuisca fortemente ai pregiudizi nel suo racconto.

‘Il pubblico tende a tenere i musei in grande considerazione. Essi sono considerati fonti affidabili di informazione imparziale e scientificamente fondata. Questo è particolarmente vero per i grandi e noti musei come il British Museum. Ma c’è sicuramente motivo di essere critici sulla conoscenza che questi offrono, ‘dice.

Circa i Bronzi del Benin

I Bronzi del Benin è il nome più comune per gli oggetti trafugati da Benin City nel 1897, ma sono stati eseguiti in diversi materiali: ottone, bronzo, corallo, avorio, terracotta, fibre tessili, legno, ecc Essi sono datati al periodo tra la fine del 15 ° secolo al 19 ° secolo e sono stati utilizzati per una varietà di scopi politici e rituali nel regno del Benin. Alcuni oggetti erano collocati sugli altari, alcuni sono stati utilizzati nelle cerimonie e altri erano decorazioni murali in un ex palazzo reale.

Titolo della tesi: Displaying Loot (Esibendo il bottino) Gli oggetti del Benin e il British Museum .
Una versione elettronica della tesi è disponibile all’indirizzo:  http://hdl.handle.net/2077/45847

Università di Göteborg

Taggato , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.