Pietre scolpite nella Scozia dei Pitti re-immaginate a colori

Gli archeologi hanno via via scoperto pietre riccamente decorate risalenti ai Pitti in tutto nord della Scozia per molti anni. Per la maggior parte di noi, le misteriose sculture di animali e simboli sono impressionanti così come sono.

Ma alcuni studiosi suggeriscono che i loro antichi creatori possono anche averne dipinto la superficie, facendo emergere in colori vivaci le incisioni di salmoni, corvi, lupi, cinghiali e persino una scena di battaglia.

La Knocknagael Boar Stone di Inverness nell'ipotesi ricolorata. (Immagine: Historic Environment Record)

La Knocknagael Boar Stone di Inverness nell’ipotesi ricolorata. (Immagine: Historic Environment Record)

Lavorando con gli esperti, Historic Environment Scotland (HES) ha creato nuovi pannelli di interpretazione di alcune delle pietre dei Pitti più noti.

Gli archeologi e gli storici hanno a lungo discusso le origini e le attività dei Pitti, HES dice che l’idea che abbiano dipinto le loro pietre scolpite è del tutto ipotetica.

Molti accademici concordano che i Pitti discendessero dalle popolazioni indigene dell’età del ferro del nord della Scozia, e il termine “picti” è probabile sia stato un soprannome che i romani usavano per descrivere le comunità a nord del Vallo di Adriano.

La ricostruzione a colori della Pietra di Aberlemno, con la raffigurazione della battaglia di Dun Nechtain avvenuta nel 685 AD. (Foto: Historic Environment Scotland)

La ricostruzione a colori della Pietra di Aberlemno, con la raffigurazione della battaglia di Dun Nechtain avvenuta nel 685 AD. (Foto: Historic Environment Scotland)

I Pitti crearono pietre erette finemente decorate e costruirono imponenti fortificazioni per difendersi dalle tribù rivali e invasori, tra cui Romani, Angli e Vichinghi. Per aggiungere colore alle loro pietre scolpite avrebbero usato minerali e piante secondo l’HES.

Tuttavia le sculture trovate finora hanno resistito, esposte all’atmosfera, per più di 1000 anni, cosicché qualsiasi pigmento è probabile che sia stato “grattato via” dalla lunga esposizione agli effetti del sole, pioggia e vento.

La Maiden Stone in Aberdeenshire nell'ipotesi colorata (Foto: Historic Environment Record)

La Maiden Stone in Aberdeenshire nell’ipotesi colorata (Foto: Historic Environment Record)

Tuttavia, si ha evidenza che i Pitti utilizzassero i colori su altri materiali, tra cui il metallo, e tracce di pigmentazioni sono sopravvissute su altri resti relativi ai Pitti.

Questi includono manufatti in pietra dalla Northumbria e dalla Mercia, mentre il colore è una evidente caratteristica dei primi manoscritti cristiani come il Libro di Durrow e il Book of Kells.

Vi si aggiunga che i romani, che usavano abitualmente il colore nelle loro sculture ebbero una “significativa influenza culturale” sui Pitti.

La Dunfallandy Stone vicino a Pitlochry nel Perthshire (Foto: Historic Environment Scotland)

La Dunfallandy Stone vicino a Pitlochry nel Perthshire (Foto: Historic Environment Scotland)

“L’ipotesi è sostenuta da molti studiosi specializzati come probabile o almeno fortemente possibile”, ha detto HES. “Abbiamo seguito i loro suggerimenti nel corso di questo progetto”.

Tra le pietre con i nuovi pannelli illustrativi che recepiscono questa nuova interpretazione una si trova ad Aberlemno, un villaggio nella zona consiliare di Angus.

Si ritiene che riproduca mostrare la battaglia di Dun Nechtain (Dunnichen), attorno al 685 AD, che ha visto un esercito di Pitti sconfiggere gli invasori provenienti dalla Northumbria.

Altre sono la Dunfallandy Stone a Pitlochry, nel Perthshire e la Stone Maiden in Aberdeenshire, scolpita più di 1.200 anni fa.

Le leggende collegate a quest’ultima narrano come la pietra sia in realtà una donna pietrificata dopo aver perso  con il diavolo la scommessa di poter cuocere bannocks (focacce azime cotte su pietra N.d.T.)più velocemente di quanto lui potesse costruire una strada per Mither Tap, la sommità della collina Bennachie vicino Inverurie.

La Knocknagael Boar Stone di Inverness risale a più di 1.400 anni fa. E ‘stata nella cura del Consiglio delle Highland per molti anni dopo che è stato danneggiato dal maltempo e dai vandali e si trova ora in mostra presso la sede dell’autorità locale a Inverness.

Pietre dei Pitti sono ancora scoperti oggi, tra cui uno con una scultura drago come in Orkney e un’altra nei pressi di Craigellachie a Moray .

Pietre incise dai Pitti continuano ad essere scoperte, come ad esempio questa ritrovata sulle isole Orcadi. (Foto: UHI Archaeology Institute)

Pietre incise dai Pitti continuano ad essere scoperte, come ad esempio questa ritrovata sulle isole Orcadi. (Foto: UHI Archaeology Institute)

Articolo originale

Taggato , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento