Potremo rileggere i papiri carbonizzati di Ercolano

Quando qualcosa sopravvive a un’eruzione vulcanica, è sempre preziosa. E ancor di più se questo qualcosa è un antico papiro che risale addirittura alla storica eruzione del Vesuvio del 79 d. C. che distrusse le città di Ercolano e Pompei. Queste pergamene romane, praticamente carbonizzate, sono molto fragili e, nel tempo, gli scienziati hanno cercato di leggerne il contenuto tramite audaci tecniche di srotolamento meno dannose possibili – e hanno sempre fallito. Oggi, però, un gruppo di ricercatori napoletani sembra aver trovato una soluzione. Come si legge in uno studio su Nature Communications, gli scienziati dell’Istituto per la microelettronica e i microsistemi del Cnr di Napoli hanno utilizzato un un nuovo metodo di imaging non invasivo per svelare il contenuto dei papiri carbonizzati senza srotolarli (e quindi trasformarli in cenere).

Papiro romano carbonizzato

Papiro romano carbonizzato

Questi rotoli carbonizzati sono estremamente fragili. Qualsiasi tentativo di aprire e leggere il contenuto potrebbe danneggiarli o addirittura distruggerli. Negli ultimi decenni, sono state utilizzate diverse tecniche di imaging per provare a leggere i papiri senza svolgerli, ma finora senza alcun risultato. In questo articolo, i ricercatori presentano un nuovo metodo che ha permesso loro di decifrare diverse lettere e parole all’interno di una pergamena senza danneggiarla.
Sono centinaia i rotoli di papiro sepolti dall’eruzione del Vesuvio, e che sono stati scoperti 260 anni fa nella biblioteca della Villa dei Papiri di Ercolano, paese vicino Napoli.

L’inchiostro usato nell’antichità è fatto da carbonio ottenuto da residui di fumo. La sua densità è quindi quasi identica a quella di un foglio carbonizzato di papiro, che rende difficile distinguerlo utilizzando metodi raggi X convenzionali. La tomografia a raggi X a contrasto di fase (XPCT), tecnica utilizzata in questo lavoro, permette di distinguere meglio l’inchiostro dalla carta utilizzando la differenza di indice di rifrazione. Questa tecnica si basa anche sul fatto che l’inchiostro non penetra nelle fibre vegetali, in modo che le lettere si distinguono in lieve rilievo dalla superficie della carta. Questa differenza di qualche centinaio di micron permette di amplificare il contrasto tra i due componenti del rotolo e rivelare le lettere.

Utilizzando XPCT per studiare due papiri ercolanesi dalla raccolta dell’Institut de France, i ricercatori sono stati in grado di leggere parole sepolte sotto diversi strati di carta che avevano aderito uno all’altro. Essi hanno inoltre ricostruito con successo un alfabeto greco quasi completo da un papiro che è ancora arrotolato. Analizzando lo stile di scrittura e il confronto con un testo precedentemente studiati, sono stati in grado di proporre ipotesi circa l’età del rotolo carbonizzato e sul suo autore: il rotolo può contenere un testo del filosofo epicureo Filodemo che avrebbe scritto nella sua scuola durante il I secolo a.C.

Questa innovazione tecnica, che permette di rilevare tracce di inchiostro all’interno di un rotolo di papiro carbonizzato senza compromettere la sua integrità,era da tempo attesa. Sviluppandola ulteriormente, i ricercatori dovrebbero essere in grado di ottenere l’immagine di un intero rotolo di papiro in poche ore e infine decifrare tutti i testi filosofici contenuti nelle pergamene di Ercolano di ‘Villa dei Papiri’.

Vito Mocella, uno dei ricercatori coinvolti nello studio, ha dichiarato: “E ‘sempre difficile fare una previsione precisa, ma con le risorse, i rotoli dovrebbero essere leggibili entro il prossimo decennio.”

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Una risposta a Potremo rileggere i papiri carbonizzati di Ercolano

  1. Pingback:Le 10 (o più) scoperte archeologiche più interessanti del 2016 | |

Lascia un commento