Riprodotto il volto dell’antica Signora di Cao

Morì circa a 20 anni, 1700 anni fa, e si crede abbia governato su una valle desertica nell’antico Perù, dove il suo corpo ricoperto di elaborati tatuaggi è stato sepolto con armi e oggetti d’oro, tra cui un centinaio di oggetti decorativi quali corone, decorazioni nasali, orecchini, collane.

Il volto ricostruito della Signora di Cao, Cultura Moche, Perù

Il volto ricostruito della Signora di Cao, Cultura Moche, Perù

Ma un’idea dell’aspetto appartenuto all’ex sacerdotessa, la Signora di Cao, si può avere grazie a una replica del suo volto reso pubblico dai funzionari della cultura e dagli archeologi lo scorso lunedì 3 luglio.

Utilizzando la tecnologia di imaging 3D e archeologia forense, la replica è stata basata sulla struttura del cranio e la ricerca etnografica e ha impegnato per oltre 10 mesi , rivela il ministero della cultura peruviano.

L’obiettivo, ha detto il ministro della Cultura Salvador del Solar, è quello di avvicinare il mondo ad uno dei migliori reperti archeologici del Perù e ricordare ai peruviani stessi del loro ricco patrimonio culturale.

I resti della señora sono stati trovati nel 2005 nella huaca di Cao Vejo, dirimpetto a El Brujo, e hanno svelato per la prima volta l'esistenza di una donna di potere presso i Moche. Morta, probabilmente di parto, intorno al 400 d. C.. venne sepolta con la sua ancella e un ricchissimo corredo (Foto: style.cnlive.it)I resti della señora sono stati trovati nel 2005 nella huaca di Cao Vejo, dirimpetto a El Brujo, e hanno svelato per la prima volta l'esistenza di una donna di potere presso i Moche. Morta, probabilmente di parto, intorno al 400 d. C.. venne sepolta con la sua ancella e un ricchissimo corredo (Foto: style.cnlive.it)

I resti della señora sono stati trovati nel 2005 nella huaca di Cao Vejo, dirimpetto a El Brujo, e hanno svelato per la prima volta l’esistenza di una donna di potere presso i Moche. Morta, probabilmente di parto, intorno al 400 d. C.. venne sepolta con la sua ancella e un ricchissimo corredo (Foto: style.cnlive.it)

“La sua rilevanza è davvero incalcolabile”, ha detto del Solar riferito al volto di forma ovale con gli zigomi alti in esposizione sotto una pesante corona d’oro.

“Ora possiamo mostrare al mondo il suo volto, un viso in cui noi peruviani rivediamo noi stessi”.

La scoperta dei resti mummificati della Signora di Cao nel 2005 mandò in frantumi la convinzione che l’antica società Moche, che occupava la Valle Chicama tra il 100 e il  700 d.C., fosse patriarcale. Altre otto mummie femminili Moche sono state trovate, in seguito, con oggetti che denotavano un elevato status politico e religioso.  

Schema della complessa sepoltura della Signora di Cao (Immagine: es.slideshare.net)

Schema della complessa sepoltura della Signora di Cao (Immagine: es.slideshare.net)

Gli archeologi ritengono che la Signora di Cao sia morta a causa di complicazioni del parto, ma per il resto godesse di buona salute. Le braccia e le gambe erano coperte di tatuaggi di serpenti, ragni e altri motivi soprannaturali.

Vicino al suo corpo era un’adolescente, probabilmente un sacrificio per guidarla nell’aldilà. La Signora di Cao ci ricorda la complessità delle società che hanno prosperato in quello che ora è il Perù, molto tempo prima che l’impero Inca dominasse le Ande o che gli europei arrivassero nelle Americhe.

Il popolo Moche ha costruito canali di irrigazione per la coltivazione nel deserto e sono conosciuti per le loro ceramiche e oreficeria, saccheggiati dalle loro tombe.

La replica della Signora di Cao, una collaborazione che ha incluso archeologi, la Fondazione Wiese e  la società di imaging globale FARO Technologies, verrà esposta nel ministero della cultura del Perù, nella capitale Lima, fino al 16 luglio; sarà poi esposta al museo di El Brujo .

Nel video i momenti dell’estrazione del corpo mummificato e la ricostruzione storica di una cerimonia eseguita dalla Signora di Cao… in persona

Articolo originale

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.