Ritrovata la più antica chiesa dell’Isola Sacra Lindisfarne

Lindisfarne, detta “isola santa” (in inglese: Holy Island), è un’isola tidale che si trova al largo della costa nord orientale d’Inghilterra e che è unita al Northumberland da una strada sopraelevata. Per due volte al giorno è isolata dalle maree.

La storia dell’isola è stata a lungo legata a quella dell’abbazia fondata da sant’Aidan attorno al 635. Lindisfarne divenne la base dell’evangelizzazione dell’Inghilterra settentrionale e la sede abbaziale fu eretta a sede vescovile.

L‘8 giugno 793 un’incursione vichinga, la prima registrata nei documenti storici, sconvolse profondamente la vita dell’isola: i monaci fuggirono e nel 1000 il vescovado fu trasferito a Durham. Il priorato fu ristabilito nel periodo normanno come fondazione benedettina, fino a quando fu soppressa nel 1536 da Enrico VIII.

Oggi, 27 giugno 2017, si terrà per la prima volta dopo più di mille anni, un servizio religioso nel perimetro di quella che è ritenuta essere la più antica chiesa scavata finora sull’isola. Sorta secondo gli esperti sul luogo dove Sant’Aidan eresse nel 635 la prima chiesa in legno.

La chiesa appena scavata a Lindisfarne (Foto: Handout)

La chiesa appena scavata a Lindisfarne (Foto: Handout)

Peter Ryder, esperto di edifici antichi, descrive la chiesetta come “probabilmente la scoperta archeologica più importante mai fatta su Holy Island.”

Gli scavi, guidati da Richard Carlton di Archeology practice e l’Università di Newcastle , è iniziato una quindicina di giorni fa e si concluderà alla fine di questa settimana. Egli ha detto: “E ‘una scoperta molto eccitante ed altamente significativa.”

Lo scavo ha scoperto enormi blocchi di arenaria utilizzati per la costruzione della chiesa sulla Heugh, una cresta su Holy Island, che offre ampie viste sulle isole Farne e Bamburgh, che era un capitale reale del regno di Northumbria.

La chiesa risale ad un’epoca pre-conquista normanna e tra il 630 AD e il 1050, anche se si ritiene più probabile collocarla tra il VII e l’VIII secolo.

Sant'Aidan

Sant’Aidan

Mr Carlton ha detto: “Non ci sono molte chiese potenzialmente di settimo o ottavo secolo note nella Northumbria medievale, che si estendeva dal fiume Humber al Forth.

“Ciò che è a favore della tesi per una chiesa così antica è che si trova sul crinale, interamente visibile dalla Bamburgh, la sede del potere politico all’epoca, e a sua volta avrebbe avuto una splendida vista del Bamburgh”

Peter Ryder, ritiene che l’edificio “molto probabilmente” somigliasse alla chiesa di VII secolo ancora visibile a Escomb nella contea di Durham.

La chiesa sassone di Escomb, Durham, VII sec.

La chiesa sassone di Escomb, Durham, VII sec.

Si pensa che il primitivo monastero dell’isola avesse diverse chiese, una sul sito dell’attuale chiesa di Santa Maria e un’ altra dove ore sorgono le rovine del priorato.

Lo scavo ha rivelato macigni di un metro di lunghezza, fondazioni superiori al metro di larghezza, una probabile base di altare e la divisione tra la navata e il coro. “Deve essere stata necessaria molta manodopera per spostare quei grandi blocchi di arenaria fino alla cima. La chiesa sarebbe stata molto visibile, spesso i monasteri erano fondati sui promontori “ aggiunge Ryder.

Uno scavo dello scorso anno ha rivelato a soli 50 metri dall’attuale scoperta, le imponenti fondazioni in pietra di quella che è ritenuta essere una torre di avvistamento.

Il Venerabile Beda ha lasciato la descrizione di un faro, acceso sulle isole Farne alla morte di San Cuthbert, visto dai monaci presenti nell’Isola Sacra, da una torre di avvistamento.

Una pagina del famoso Evangeliario di Lindisfarne prodotto nel monastero nel secondo decennio dell'VIII secolo, attualmente alla British Library

Una pagina del famoso Evangeliario di Lindisfarne prodotto nel monastero nel secondo decennio dell’VIII secolo, attualmente alla British Library

Articolo originale

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento