Scoperti i più antichi geroglifici egizi monumentali

Una spedizione congiunta dell’Università di Yale e del Museo Reale di Arte e Storia di Bruxelles per l’esplorazione dell’antica città egiziana di Elkab, ha scoperto alcune iscrizioni rupestri precedentemente sconosciute, che comprendono i primi geroglifici monumentali risalenti a circa 5.200 anni fa.

Cicogne e ibis sul pannello monumentale scoperto dalla missione nel deserto di Elkab

Cicogne e ibis sul pannello monumentale scoperto dalla missione nel deserto di Elkab (Foto: Yale)

Queste nuove iscrizioni non sono state precedentemente registrate da nessuna spedizione e sono di grande importanza nella storia degli antichi sistemi di scrittura egiziana, secondo l’egittologo John Coleman Darnell, professore nel Dipartimento di Lingue e Civiltà del Vicino Oriente di Yale, che co-dirige l’Elkab Desert Survey Project.

“Questo sito di arte rupestre recentemente scoperto ad El-Khawy conserva alcuni dei primi – e più grandi – segni delle fasi formative della scrittura geroglifica e fornisce la prova di come gli antichi egizi inventarono il loro sistema di scrittura unico”, dice Darnell.

I ricercatori hanno anche scoperto un’incisione rupestre raffigurante un branco di elefanti,  prodotto tra 4,000-3,500 a.C., uno degli elefanti ha un piccolo elefante all’interno, che, secondo Darnell, “è un modo incredibilmente raro di rappresentare una femmina incinta di animale. ”

L'egittologo John Darnell esamina i geroglifici

L’egittologo John Darnell esamina i geroglifici

Gli archeologi hanno anche identificato un gruppo di quattro segni, creati circa nel 3.250 a.C. e scritti da destra a sinistra – la direzione di scrittura dominante in testi egizi più tardi – che ritrae immagini di animali di testa di toro su un palo corto seguito da due cicogne che si danno la schiena con un uccello ibis calvo sopra e tra di loro. La disposizione di simboli è comune nelle rappresentazioni egizie successive del ciclo solare e con il concetto di luminosità.“Queste immagini possono esprimere il concetto di autorità reale sul cosmo ordinato”, dice Darnell.

Darnell dice che la squadra è stata “assolutamente sbalordita” dal ritrovamento a causa delle dimensioni immense non solo dell’intera raffigurazione, ma anche dei singoli elementi.

“Questa scoperta non è nuova nel senso che è la prima volta che qualcuno ha visto questi geroglifici; questa è la prima volta che chiunque li abbia mai visto su scala così ampia. Ciascuno dei singoli geroglifici misura poco più di un mezzo metro di altezza, e l’intero tableau è di circa 70 centimetri di altezza. I segni trovati in precedenza erano solo uno o due centimetri di dimensione “, dice Darnell.

E continua: “Nel mondo moderno questo sarebbe simile a vedere il testo più piccolo sullo schermo del computer e poi vederne improvvisamente di molto grandi, fatti allo stesso modo,  su un cartellone.”

La zona in cui i ricercatori hanno trovao le iscrizioni è nel deserto settentrionale nell’entroterra di Elkab. Questa zona, insieme a Hierakonpolis, che si trova dall’altra parte del fiume e conosciuto come la sua città gemella, erano centri molto importanti in Egitto, dice Darnell, e dimostrare che il sistema comunicativo in queste aree non si limita ai piccoli oggetti più comunemente trovati .

Darnell spiega che queste scoperte rivelano che non ci fu un lento sviluppo della scrittura, principalmente per l’utilizzo burocratico, come precedentemente creduto, ma che la scrittura geroglifica era più distribuito geograficamente e localmente diversificata già al momento o poco dopo il suo sviluppo.

“Questo suggerisce anche che c’è un uso molto più ampio del sistema di scrittura in anticipo rispetto a quanto indicato da altro materiale archeologico sopravvissuto”, dice Darnell.

Il team di archeologi ha rinvenuto queste iscrizioni rupestri mappando le vie basate su reti stradali in Egitto. La maggior parte delle iscrizioni rupestri in Egitto, che Darnell ha visto, egli dice, non sono posizionate in modo casuale: La maggior parte delle iscrizioni si trovano lungo le strade principali, sia le strade che, parallelamente al Nilo o strade che si dirigono verso il deserto. Di solito sono su congiunzioni o incroci. “Qualsiasi posto in cui qualcuno potrebbe prendere una pausa dal suo cammino”, dice Darnell.

Il sito delle iscrizioni (Foto: Yale)

Il sito delle iscrizioni (Foto: Yale)

Usando una nuova tecnica di registrazione sperimentata a Yale, Darnell e Alberto Urcia, un archeologo e ricercatore specializzato in digitalizzazione e associato presso il Dipartimento di Lingue e Civiltàdel Vicino Oriente, ha creato una serie di immagini in 3D delle iscrizioni, a partire dalle fotografie scattate sul campo.

“Questa nuova tecnologia permette di registrare i siti ad un livello di precisione e dettaglio che era assolutamente impossibile prima”, dice Darnell, aggiungendo: “Ciò significa anche che siamo in grado di registrare il sito come un luogo, o in un luogo, e non solo come una serie di iscrizioni.”

“Non era quello che mi aspettavo di trovare quando ho intrapreso questo lavoro nella spedizione”, dice Darnell. “E’ stato del tutto scioccante per me.”

I membri del team in questa stagione includono anche Colleen Darnell, egittologo e affiliato curatoriale, Yale Peabody Museum; Massimilliano Montanari, archeologia digitale e specialista di modellazione 3D;  Elizabeth Hines ’17 e Reed Morgan ’17.

La spedizione, che è diretta da Darnell e Dirk Huyge, è stata intrapresa in collaborazione con il Ministero delle Antichità e gli ispettorati di Assuan ed Edfu.

Articolo originale

Taggato , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento