Seven in the past: il nuovo progetto di Rievocazione full immersion in Russia

Forse ricorderete il giovane di 24 anni Pavel Sapozhnikov  che affrontò nove mesi da solo in una fattoria ricostruita secondo gli standard del X secolo in Russia.

Pavel Sapozhnikov, il rievocatore che ha portato a termine l'esperimento Alone in the past"

Pavel Sapozhnikov, il rievocatore che ha portato a termine l’esperimento “Alone in the past”

La struttura della fattoria in cui Pavel ha vissuto da solo per nove mesi.

La struttura della fattoria in cui Pavel ha vissuto da solo per nove mesi.

Il progetto è stato un successo e potrete vederne tutti i reportage a questo link.
“Ogni cosa diviene più lenta e difficile da ottenere. Ho dovuto cucire e aggiustare molti dei miei indumenti. Cucire in estate va bene, c’è luce e si può stare all’aperto, ma d’inverno in casa è buio e fuori si gelano le mani. Gli abiti sono stati tutti messi a dura prova, questa è la tunica di lino che ho usato per tutto l’esperimento: il lino non è il tessuto più adatto per uno che lavora, molto probabilmente era roba da ricchi. Molto più resistente la lana per lavorare, maggior resistenza all’abrasione e allo strappo! Ho usato una tunica simile ma in lana per 3 mesi (90 giorni)  è sporca, ma ha resistito, le cuciture sono ancora perfette. La tunica è irrimediabilmente sporca e alcune macchie non vengono pulite con i metodi del X secolo. Inoltre l’orlo del fondo e delle maniche andrebbero continuamente riparati. Forse la bordura non era una decorazione ma una buona idea per risolvere questi casi. Le maniche devono essere abbastanza strette per non ingombrare e abbastanza larghe da poter essere arrotolate: sono l’unico dettaglio importante, il resto può essere fatto come meglio ci piace.” si può leggere sulla pagina Facebook dell’esperimento.

La tunica in lino utilizzata da Pavel per tutto l'esperimento. (Foto: facebook Seven in the past)

La tunica in lino utilizzata da Pavel per tutto l’esperimento. (Foto: facebook Seven in the past)

Le cose più difficili per Pavel: “L’interno della casa restava buio per 12-13 ore, e non potevo sempre dormire. Ma l’olio per la lucerna era contato e non potevo sprecarne o non ne avrei avuto abbastanza per tutto l’esperimento. La volpe è venuta davvero a rubare le galline, ha smesso di venire soltanto quando è caduta la neve. Avevo un gatto, ma non restava mai in casa. Così la guerra contro i topi e i ratti è stata persa. Le cose che mi mancavano di più erano soprattutto musica, libri e musei. Mi sono costruito un flauto, ma non ho mai imparato a suonarlo”

L'interno dell'abitazione in cui Pavel ha vissuto per la durata dell'esperimento.

L’interno dell’abitazione in cui Pavel ha vissuto per la durata dell’esperimento.

I risultati della sperimentazione sono stati talmente entusiasmanti che ora si sta pensando ad ampliare il progetto che da “Alone in the past” diventerà “Seven in the past“.

Il prossimo esperimento infatti prevede che sette persone, uomini e donne, vivano per nove mesi da dicembre a settembre in una fattoria medievale con un enorme cottage nel centro. Senza elettricità, strutture moderne e comunicazioni. I partecipanti sono autorizzati a usare solo abbigliamento , utensili, attrezzature e cibo autenticamente medievali. L’esperimento storico si svolgerà un nuovo sito, con prati, colline, fiumi e foreste, lontano dalle strade e vicini rumorosi. L’ ultima volta siamo stati a guardare un uomo che è diventato un eremita. Ora vedremo cosa succede alle persone in una società chiusa in condizioni estreme del Medioevo.

Vi terremo informati.

Il documentario sulla precedente esperienza…purtroppo in russo, ma in corso di doppiaggio in inglese.

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.