Un “cinese” nella Londinium romana

Parti di uno scheletro trovato a Lant Street, Londra (Foto: Museum of London)

Parti di uno scheletro trovato a Lant Street, Londra (Foto: Museum of London)

Due antichi scheletri rinvenuti in un cimitero di Londra potrebbero essere di origine cinese, ribaltando ipotesi di lunga data sulla storia dell’impero romano e la capitale della Gran Bretagna.

Utilizzando tecniche all’avanguardia, un team di archeologi e scienziati hanno esaminato campioni di smalto dentale da oltre 20 gruppi di resti umani datati dal tra il II e IV secolo d.C.

La dottoressa Rebecca Redfern, responsabile per l’osteologia umana al Museo di Londra, ha rivelato che due degli scheletri ritrovati nel sito di Lant Street, Southwark, sono stati identificati come di probabile origine cinese.

“Questo è assolutamente fenomenale. Questa è la prima volta che nella Britannia romana abbiamo identificato persone con origini asiatiche e solo la terza o quarta nell’Impero nel suo complesso”, ha detto durante il programma radiofonico di BBC Radio 4  The World at One.

Il ritrovamento sfida la predominante visione che la Britannia romana, e in particolare “Londinium”, com’era allora conosciuta, fosse una società relativamente omogenea.

Suggerisce anche che impero romano e impero cinese possano aver avuto più interazione di quanto molti storici abbiano pensato in precedenza.

Fondamentalmente si prospetta la possibilità che scambi commerciali abbiano avuto luogo tra Roma e la Cina al di fuori della famosa Via della Seta.

Uno degli scheletri ritrovati nel sito di Lant Street, Southwark (Foto: Museum of London)

Uno degli scheletri ritrovati nel sito di Lant Street, Southwark (Foto: Museum of London)

Se altre scoperte archeologiche hanno mostrato la natura multiculturale della città antica e la sua importanza come importante centro commerciale, questa è solo la seconda volta che le ossa di un individuo di probabile origine cinese sono stati trovati in un sito romano, il primo è la scoperta di un uomo forse asiatico a Vagnari, Italia.

Scrivendo nel The Journal of Archaeological Science , la dottoressa Redfern ha detto: “L’espansione dell’impero romano nella maggior parte dell’Europa occidentale e del Mediterraneo, ha portato l’assimilazione e il movimento di molte comunità etnicamente e geograficamente differenti.

“Il suo potere e la sua ricchezza significava che aveva anche collegamenti commerciali per materie prime e prodotti, come la seta in Europa, Africa e anche ad est, tra cui l’India e la Cina.

“Molte persone viaggiavano, spesso su grandi distanze, per commercio o per le loro attività, per esempio in campo militare, o il loro status sociale, per esempio se venivano ridotti in schiavitù.”

Gli archeologi e gli storici sono divisi per quanto riguarda la spiegazione dietro la possibile presenza di individui cinesi in Britannia romana.

I risultati sollevano la possibilità che commercianti cinesi si siano stabiliti nella zona, e possano avere anche creato proprie comunità commerciali.

Tuttavia, nel suo articolo di giornale, la dottoressa Redfern ha poi aggiunto: “Può darsi che questi individui fossero essi stessi o discendessero da schiavi provenienti dall’Asia, in quanto vi era commercio di schiavi tra l’India e la Cina, e India e Roma “.

Articolo originale tradotto da La Storia Viva

QR Code - Take this post Mobile!
Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.
Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.