Una scarpa nel muro contro gli spiriti maligni

Una scarpa di 300 anni trovata nelle pareti di un edificio dell’Università di Cambridge è stata probabilmente collocata per allontanare gli spiriti maligni.

Questa scarpa incredibilmente ben conservata, è stata verosimilmente usata come difesa dagli spiriti maligni al St. John College, secondo l'opinione degli studiosi. (Foto: Cambridge Archaeological Unit)

Questa scarpa incredibilmente ben conservata, è stata verosimilmente usata come difesa dagli spiriti maligni al St. John College, secondo l’opinione degli studiosi. (Foto: Cambridge Archaeological Unit)

Il 1 ° agosto, durante l’installazione di cavi elettrici in una sala comune al St. John College, uno dei collegi che compongono l’Università di Cambridge, il personale della squadra di manutenzione ha trovato una scarpa di pelle da uomo, corrispondente all’attuale misura 38 (la 6 nel Regno Unito). La scarpa è stata trovata all’interno di una parete, tra un camino e una finestra, ha specificato l’archeologo Richard Newman di Cambridge in un comunicato. La calzatura è stata probabilmente collocata in quella posizione durante i lavori di ristrutturazione tra la fine del 1600 e la metà del 1700.

“Data la sua posizione, è molto probabile che sia stata messa lì per svolgere un ruolo protettivo a favore del Maestro del Collegio”, ha detto Newman. “Potrebbe anche essere stata una delle sue scarpe.”

La pratica di nascondere le scarpe nelle pareti è una tradizione che risale almeno al 1300, secondo il Northampton Museums & Art Gallery , che mantiene un database di circa 2.000 scarpe nascoste e ritrovate a partire dal 1950.
Secondo tale censimento sono state rinvenute in molti paesi europei, in Australia e in nord America. Sebbene cisiano esempi attraverso tutti gli Stati Uniti, la maggior concentrazione è stata rilevata nel New England e negli stati nor-orientali, che furono colonizzati originariamente da popolazioni provenienti dalla regione dell’East Anglia, in Inghilterra.

Collezione di scarpe nascoste e rinvenute nell'East Anglia, St Edmundsbury Heritage Service, St Edmundsbury Borough Council

Collezione di scarpe nascoste e rinvenute nell’East Anglia, St Edmundsbury Heritage Service, St Edmundsbury Borough Council

Secondo la superstizione le calzature nascoste scongiurano gli spiriti maligni , forse perché le scarpe hanno assunto la forma del piede del proprietario e, pertanto, contengono un po’ del suo spirito. La scarpa che veniva tipicamente nascosta era quella di un bambino, molto usata, di solito nascosta in un camino, una parete o sul tetto.

Quella ritrovata a Cambridge è una scarpa sinistra che misura circa 9,6 pollici (24 centimetri) di lunghezza. Era stata indossata abbastanza a lungo da presentare un buco nella suola, ma complessivamente ben conservata. E’ stata trovata nella zona della Seconda Corte del collegio, in una stanza dove gli accademici senior spesso si ritrovano a consumare il pranzo. L’edificio in questione è stato completato nel 1602, ma gli archeologi pensano che la scarpa sia stata posta più tardi, durante la fase di ristrutturazione degli interni.

Le scarpe occultate sono un esempio di gesto apotropaico, ovvero un gesto magico con lo scopo di scongiurare il male e la sfortuna. Secondo gli atti di un convegno dell’Archaeological Leather Group, tenutosi nel 1997, furono trovate scarpe nascoste anche in un monastero svizzero e in un manicomio del Northamptonshire. Una è stata ritrovata nell’Hampton Court Palace sul Tamigi. Anche qualche costruttore di chiese intrufolò le sue superstizioni nell’architettura:  è stata trovata una scarpa nascosta dietro il coro nella Cattedrale di Winchester, dove fu posta nel 1308,  e anche in quella di Ely in Inghilterra e in una chiesa battista nel Cheshire, secondo  un articolo del 1996 su Costume .

Le scarpe non sono l’unico tipo di portafortuna  che veniva abitualmente incorporato nelle pareti. Nel 1600 e anche in seguito, la gente a volte creava le “bottiglie della strega” mettendo capelli o urine in un vasetto o una bottiglietta di vetro con vino, aghi o erbe. Le bottiglie venivano poi nascoste in un muro o sotto un’asse del pavimento per intercettare e distruggere il male. Ancora più angosciante, forse, era la tradizione nord-europea di mettere un cadavere essiccato di un gatto all’interno di una parete come talismano protettivo.

La scarpa del St. John College sarà riposizionata nel muro, accanto ad una piccola capsula del tempo che contiene un giornale e delle monete.

“La tradizione di lasciare monete, o altre cose, in un muro quando finiamo il lavoro in un edificio è in realtà qualcosa che facciamo ancora oggi, anche se non per superstizione, naturalmente. In questi giorni è più che altro come lasciare una firma per dire che siamo stati qui, ” dichiara Steve Beeby, il capo della manutenzione al college. “Per quanto riguarda il tenere a bada gli spiriti maligni, però, questa scarpa sembra aver fatto un buon lavoro finora.”

Articolo originale

Taggato , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.