La “Pompei” del fronte occidentale

I corpi di 21 soldati tedeschi sepolti in un rifugio perfettamente conservato della Prima Guerra Mondiale sono stati scoperti nel 2012, 94 anni dopo che erano stati uccisi. Gli uomini facevano parte di un gruppo più ampio di 34 soldati, che sono stati sepolti vivi, quando un enorme proiettile alleato esplose sopra il tunnel nel 1918, provocandone il crollo.
Tredici corpi sono stati recuperati dal rifugio sotterraneo, ma i restanti uomini devono essere stati lasciati sotto una montagna di fango perché era troppo pericoloso recuperarli. Quasi un secolo dopo, gli archeologi francesi sono incappati nella fossa comune sull’ex fronte occidentale, nella Francia orientale, durante i lavori di scavo per la costruzione di strade.

Fossa comune: I corpi di 21 soldati tedeschi sepolti in un rifugio della prima guerra mondiale sono stati scoperti in Francia perfettamente conservati 94 anni dopo che erano stati uccisi

Fossa comune: I corpi di 21 soldati tedeschi sepolti in un rifugio della prima guerra mondiale sono stati scoperti in Francia perfettamente conservati 94 anni dopo che erano stati uccisi

 
 
Incredibile condizione: I soldati sono stati sepolti vivi nel fango all'interno del rifugio sotterraneo (foto sopra) che conteneva oggetti tra cui letti, una bottiglia e un elmetto (foto sotto)

Incredibile condizione: I soldati sono stati sepolti vivi nel fango all’interno del rifugio sotterraneo (foto sopra)
che conteneva oggetti tra cui letti, una bottiglia e un elmetto (foto sotto)

Tempi duri: non è così tranquillo sul fronte occidentale

Circa 7 milioni e mezzo di uomini hanno perso la vita sul fronte occidentale durante la Prima Guerra Mondiale. Il fronte fu aperto quando l’esercito tedesco invase il Lussemburgo e il Belgio nel 1914 e poi si trasferì nelle regioni industriali del nord della Francia. Nel settembre dello stesso anno, quest’avanzata fu fermata, e leggermente invertita, nella battaglia della Marna. Fu allora che entrambe le parti scavarono vaste reti di trincee che correvano dal Mare del Nord al confine con la Svizzera con la Francia. Questa linea di tunnel è rimasto inalterato, miglio più miglio meno, per la maggior parte del conflitto di quattro anni. Nel 1917, dopo anni di stallo che ha visto milioni di soldati uccisi per un guadagno pari a zero da entrambi i lati, è stata inviata al fronte la nuova tecnologia militare tra cui gas asfissianti, carri armati e aerei. Grazie a queste tecniche, gli Alleati avanzarono lentamente durante tutto il 1918 fino alla fine della guerra, nel mese di novembre.

Fronte occidentale

Fronte occidentale Immagine ingrandita  qui 

Molti dei resti scheletrici sono stati trovati nelle stesse posizioni in cui gli uomini si trovavano al momento del crollo, inducendo gli esperti a paragonare il panorama di Pompei. Un certo numero di soldati sono stati ritrovati seduti su una panchina, uno sdraiato nel suo letto e un altro era in posizione fetale dopo esser stato buttato giù da una rampa di scale. Assieme ai corpi, sono stati trovati anche struggenti effetti personali come gli stivali, elmetti, armi, bottiglie di vino, occhiali, portafogli, tubi, portasigarette e libri tascabili. E’ anche stato trovato lo scheletro di una capra, che si presume fosse una fonte di latte fresco per i soldati. Gli archeologi ritengono che gli oggetti si siano così ben conservati a causa della difficoltà per l’aria, l’acqua o la luce a penetrare nella trincea. La galleria, lunga 300 piedi (circa 91,4 metri) si trovava 18 piedi (5,5 metri)  sotto la superficie vicino alla piccola città di Carspach nella regione francese dell’Alsazia. Michael Landolt, l’archeologo che conduce gli scavi, ha detto: “E’ un po’ come Pompei. Tutto è crollato in pochi secondi ed è tutto com’era in quel momento. Qui, come a Pompei, abbiamo trovato i corpi come erano al momento della loro morte. Alcuni uomini sono stati trovati in posizione seduta su una panchina, altri sdraiati. Uno è stato proiettato giù da una rampa di scale in legno ed è stato trovato in posizione fetale. Il rifugio crollato si è riempito di terreno. Gli oggetti sono stati molto ben conservati a causa dell’assenza di aria e di luce e acqua. Gli oggetti metallici sono arrugginiti, il legno è in buone condizioni e abbiamo trovato alcune pagine di giornali che sono ancora leggibili. La pelle è in buone condizioni e ancora morbida. I reperti saranno portati in un laboratorio, puliti ed esaminati.”

Rete di tunnel: ingegneri francesi inciampato sulla tomba di massa sulla ex fronte occidentale vicino alla città di Carspach nella regione francese dell'Alsazia orientale durante i lavori di scavo per un progetto di costruzione stradale

Rete di tunnel: gli ingegneri francesi sono incappati nella tomba di massa sulla ex fronte occidentale vicino alla città di Carspach nella regione francese dell’Alsazia orientale durante i lavori di scavo per un progetto di costruzione stradale

  
tazza ed i resti di un fucile

Una tazza ed i resti di un fucile che sono sopravvissuti quasi intatta per un secolo. Il fucile in foto è un Gewehr 1898, fucile di ordinanza del Reichsheer, le forze militari tedesche di terra operative tra il 1871 e il 1919 (nota del nostro esperto)

Bloccato nel tempo: Un giornale tedesco dal 1918 si trova parzialmente conservato all'interno del rifugio

Bloccato nel tempo: Un giornale tedesco dal 1918 si trova parzialmente conservato all’interno del rifugio

 
 
 
 
Attrezzi da costruzione: un grosso martello (foto sopra) che gli archeologi credono sia stato usato per scavare la rete di trincee (foto sotto)

Attrezzi da costruzione: un grosso martello (foto sopra) che gli archeologi credono sia stato usato per scavare la rete di trincee (foto sotto)

Elmetto

Elmetto

Gli archeologi hanno anche scoperto le pareti in legno, i pavimenti e le scale del rifugio. I soldati morti facevano parte del 6 ° Compagnia, 94 ° Reggimento di Fanteria Reserve. I loro nomi sono tutti noti – comprendono il Moschettiere Martin Heidrich, 20 anni, il Soldato Semplice Harry Bierkamp, 22, e il Tenente August Hutten, 37, i cui nomi sono incisi su un memoriale nel vicino cimitero di guerra tedesco di Illfurth.I corpi sono stati consegnati alla Commissione per le Sepolture di Guerra  tedesca, ma a meno che i parenti vengano trovati e chiedano che i resti siano rimpatriati, è previsto che gli uomini siano sepolti a Illfurth. Il tunnel sotterraneo era abbastanza grande da ospitare 500 uomini e aveva 16 uscite. Sarebbe stato dotato di riscaldamento, collegamenti telefonici, energia elettrica, letti e un tubo per pompare fuori l’acqua. I francesi attaccarono il rifugio il 18 marzo 1918 con le mine aeree che penetravano il terreno e fecero saltare la parete laterale del rifugio in due punti. Si stima che più di 165.000 soldati del Commonwealth siano ancora dispersi sul fronte occidentale.

vista aerea delle trincee che dimostra la vastità dello scavo

vista aerea delle trincee che dimostra la vastità dello scavo

Vita in trincea

Vita in trincea

  

La fondina lunga in cuoio è quella di una Lange Pistole mod. 1908 (LP 08, conosciuta anche come "Luger  Artiglieria"), e probabilmente contiene ancora l'arma (nota del nostro esperto)

La fondina lunga in cuoio è quella di una Lange Pistole mod. 1908 (LP 08, conosciuta anche come “Luger Artiglieria”), e probabilmente contiene ancora l’arma (nota del nostro esperto)

  
Una bottiglia integra

Una bottiglia integra

Quasi certamente è una delle campane da trincea che venivano utilizzate per dare l'allarme in caso di attacco con i gas (nota del nostro esperto

Quasi certamente è una delle campane da trincea che venivano utilizzate per dare l’allarme in caso di attacco con i gas (nota del nostro esperto

 Lavori di scavo intorno al vasto ritrovamento

Lavori di scavo intorno al vasto ritrovamento

 
 Le tre tasche in cuoio sono le giberne di ordinanza che contenevano le munizioni per il fucile (nota del nostro esperto)

Le tre tasche in cuoio sono le giberne di ordinanza che contenevano le munizioni per il fucile
(nota del nostro esperto)

Un altro fucile

Un altro fucile

Oggetto in fase di identificazione

Oggetto in fase di identificazione

 Soldati tedeschi posano per una foto che dimostra la struttura interna della trincea

Soldati tedeschi posano per una foto che dimostra la struttura interna della trincea

Il ritrovamento è avvenuto a Carspach nella regione francese dell'Alsazia

Il ritrovamento è avvenuto a Carspach nella regione francese dell’Alsazia

  

Mappa del fronte dal sito:  http://www.lagrandeguerra.net

Segnalazione e descrizioni di Mario Marchiori che ringraziamo

Aggiungi ai preferiti : Permalink.